Noleggio auto low-cost: Europcar acquisisce Goldcar
 

Noleggio low-cost: Europcar acquisisce Goldcar


Europcar acquisisce Goldcar. La notizia suona come una vera e propria rivoluzione nel settore del Rac low-cost, che come abbiamo visto è sempre più rilevante. La società di noleggio, proprio ieri, ha annunciato di aver firmato un accordo con Investindustrial per acquisire il colosso spagnolo.

Europcar acquisisce Goldcar

Goldcar, infatti, è uno dei principali operatori del settore low-cost a livello Continentale, con una presenza consolidata in Spagna e Portogallo e, da qualche anno, anche in Italia. L’operazione, che ora attende l’approvazione dell’antitrust, verrà completata nella seconda metà dell’anno.

APPROFONDISCI: La nostra intervista a Raoul Colantoni e la crescita di Europcar attraverso la politica delle acquisizioni

EUROPCAR ACQUISISCE GOLDCAR

Negli ultimi anni, in particolare, la società di origine spagnola ha portato avanti uno sviluppo continuo (con una crescita dichiarata del fatturato anno su anno pari al 17% tra il 2008 e il 2016). In particolare, lo scorso anno Goldcar ha generato ricavi per circa 240 milioni di euro.

Grazie a questa acquisizione, il Gruppo Europcar aumenterà la sua presenza nel mondo del Rac grazie a tre importanti aree di sviluppo: la zona del Mar Mediterraneo, il leisure e il segmento low cost. Inoltre, l’operazione creerà valore per il Gruppo, andando a rafforzare il know-how sul mercato del noleggio low-cost.

LEGGI ANCHE: La crescita del settore del noleggio a breve termine nel 2016 

I PROGETTI DI EUROPCAR

Secondo Europcar, l’operazione dovrebbe generare circa 30 milioni di euro di sinergie di costi all’anno entro il 2020, e si basa su un “Corporate Enterprise” value di 550 milioni di euro.

L’acquisizione è stata appoggiata da una grande unione bancaria internazionale, che ha concesso un prestito ponte per sostenere l’offerta vincolante del Gruppo Europcar e coprire le esigenze di rifinanziamento “corporate” e inerente la flotta di Goldcar.  Inoltre Europcar, nei prossimi anni, prevede di “aumentare il patrimonio netto fino al 10% del suo capitale, soggetto alle condizioni del mercato”.

Related Posts

Scrivi un commento

La tua casella di posta non verrà pubblicata.

*