16 Marzo 2020

Noleggio a lungo termine, effetto Coronavirus: -40% di immatricolazioni nella prima metà di marzo

L’emergenza Coronavirus va a colpire anche il settore del noleggio a lungo termine, che da tempo è un vero e proprio traino del mercato: ecco le ultime statistiche di Dataforce.

L’effetto Coronavirus si farà sentire sui numeri dell’autonoleggio: anche sul noleggio a lungo termine, oltre che sul noleggio a breve termine e sul car sharing.

noleggio a lungo termine: gli impatti del Coronavirus a marzo.

Abbiamo già approfondito gli impatti sul noleggio a breve termine, le cui attività hanno fatto segnare dall’inizio dell’epidemia un calo del -90%, come ben testimoniato da Aniasa. Ora Dataforce certifica che il noleggio a lungo termine nella prima metà di questo mese ha fatto registrare un calo del 40% delle immatricolazioni rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

NOLEGGIO A LUNGO TERMINE: A MARZO EFFETTO CORONAVIRUS

“Voglio anticipare che i dati relativi al noleggio di lungo termine sui primi 15 giorni di marzo descrivono bene la caduta di immatricolato: a marzo 2019, nello stesso periodo, furono immatricolate 9.304 vetture contro le 5.552 di quest’anno, con un calo quindi del 40,3%” sottolinea Salvatore Saladino, country manager di Dataforce Italia.

Da segnalare che prima dell’emergenza Coronavirus e, quindi, prima che tutta l’Italia diventasse zona rossa, il noleggio a lungo termine si era contraddistinto nel primo bimestre per una crescita del 17,87% (+18,19% a gennaio e +17,35% a febbraio), portando il saldo delle immatricolazioni a 7.630 unità aggiuntive sul primo bimestre 2019.

“Se questo trend dovesse confermarsi per il resto del mese, si assisterebbe ad un crollo dei volumi molto preoccupante tale da far rivedere ancor più al ribasso le stime di chiusura del 2020” aggiunge Saladino.

Approfondisci: come è andato il mercato a febbraio?

L’IMPORTANZA DEL NLT

Un concetto, questo, espresso da Massimiliano Archiapatti, presidente di Aniasa. “Lo stop di nuove immatricolazioni da parte del noleggio (oggi 1 auto nuova su 4 è immatricolata a noleggio) provocherà inevitabilmente pesanti ripercussioni sul mercato automotive, già alle prese in questi ultimi mesi con il deciso calo delle immatricolazioni dei privati. Senza il consueto sostegno del noleggio, il mercato dell’auto è destinato a un crollo verticale”.

mercato dell'auto febbraio 2020

 

L’ANNO DELLE CAPTIVE

I risultati del primo bimestre 2019 testimoniano l’andamento a forte velocità delle società captive. Secondo Dataforce, “nel noleggio a lungo termine questo sarà l’anno delle captive, con delle performance
che non rifletteranno il reale stato di salute del mercato ma piuttosto un corretto bilanciamento del mix di vendita fra impatto sanzioni e quota di mercato delle Case che ne condividono (indirizzano) le strategie”. 

L’indicatore vero di questo canale andrà letto, prosegue l’analisi di Saladino, “sulle grandi società generaliste e, ad oggi, il piccolo calo registrato (a gennaio e febbraio, ndr.) deve ancora fare i conti con l’onda lunga del Coronavirus, che non sarà affatto lieve”.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia