3 Dicembre 2014

Mazda CX-5: il Suv compatto che piace alla flotta

La CX-5 è il modello di punta di Mazda nel comparto del noleggio a lungo termine e delle flotte aziendali: rappresenta infatti circa il 65% dei volumi delle vendite “fleet” del marchio. E in questi giorni la Casa giapponese ha svelato il facelift, che debutterà nel 2015.

CRESCITA CONTINUA – CX-5 è un Suv compatto potente, agile e allo stesso tempo attento all’ambiente e ai consumi. Incarna tutto il piacere di guida che è parte integrante della nostra tradizione” afferma Massimiliano Giotti, fleet & remarketing manager di Mazda Italia. Per dare un po’ di numeri, “le previsioni di chiusura del 2014 sono di circa 650 unità nei canali del noleggio a lungo termine e delle flotte aziendali – vendite dirette a società e professionisti -, con una crescita del 16% rispetto al 2013. Dal suo lancio, nel 2012, il modello è cresciuto costantemente, con una progressione regolare” sottolinea il manager. Tra i segreti di questo successo, l’aver “raggiunto uno straordinario rapporto di compressione unico al mondo per la produzione di serie (14:1 sia per il benzina che per il diesel), che ci ha permesso di coniugare efficienza e prestazioni: tutto questo si traduce in consumi ed emissioni tra i migliori della categoria” spiega Giotti.

PROSPETTIVE – Per il 2015, “puntiamo a crescere nei volumi, ma senza pensare di strafare: tenuto conto dei cicli di sostituzione nel noleggio a lungo termine e considerato che la CX-5 è stata lanciata nel 2012, abbiamo ancora una serie di potenziali nuovi clienti a cui proporre con successo il nostro Suv”, svela il manager di Mazda. Grazie al boom sul mercato, “i Suv compatti – continua – hanno raggiunto dei valori residui molto elevati, in molti casi superiori a prodotti di altri segmenti, e questo ha influenzato le scelte dei Fleet Manager. Secondo gli analisti di mercato, il valore residuo futuro 3 anni/90.000 km della CX-5 è il secondo della categoria (47,9%). Idem per il valore residuo a un anno (68,6%)”.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia