5 Giugno 2019

Noleggio a lungo termine, quando è utile scegliere contratti più corti?

Il noleggio a lungo termine oggi è più flessibile rispetto al passato: i contratti possono durare meno dei classici tre anni per consentire alle aziende di soddisfare esigenze di lavoro temporanee, ma anche di ottenere altri vantaggi. Vediamo quali.

L’evoluzione del mondo del noleggio a lungo termine, negli ultimi anni, è stata evidente: noleggiare un’auto per un periodo che supera quello della classica vacanza, fino a qualche anno fa, significava esclusivamente optare per i classici contratti da 36/48 mesi. Oggi non è più così: da una parte, si è diffusa universalmente la cultura del car sharing, ovvero soluzioni di noleggio dell’auto che spaziano da pochi minuti a poche ore, dall’altra parte le aziende stanno puntando su durate più flessibili

noleggio a lungo termine, ecco quali durate contrattuali scegliere

Un esempio? Il noleggio a medio termine, o noleggio mid term (leggi la nostra inchiesta), un’offerta proposta ormai dalla stragrande maggioranza delle società di renting (a lungo ma anche a breve termine) caratterizzata da contratti che possono durare da 6 a 24 mesi, con qualche eccezione di estensione fino ai 30 mesi e di riduzione fino a 30 giorni. Quando è utile scegliere questi contratti più corti? Ce lo siamo chiesti con l’obiettivo di approfondire un trend che nei prossimi anni sarà sempre più diffuso. 

Approfondisci: medio, lungo o breve? Ecco perché il renting oggi è sempre più senza termine

NOLEGGIO A LUNGO TERMINE: QUANDO SCEGLIERE UN CONTRATTO PIÙ BREVE

Prima di tutto, i contratti più brevi sono una valida alternativa per quelle aziende, ma anche quei professionisti e privati che hanno esigenze temporanee: pensiamo ai picchi di lavoro stagionali, ai driver che, in determinate realtà, cambiano spesso ruolo, ai neoassunti che affrontano periodi di prova, alle trasferte del personale di sede per brevi periodi. In tutti questi casi, i contratti di pochi mesi sono l’ideale. 

Ma ci sono aziende che scelgono anche per altri motivi di abbreviare le durate contrattuali. Primo: avere una flotta, come si dice in gergo, più fresca. Per chi ha dipendenti che fanno quotidianamente tanta strada, i veicoli chilometrati possono rappresentare un problema. Facciamo un esempio concreto: se i miei driver percorrono, in media, 30mila km all’anno, con punte di oltre 40mila, dopo quattro anni avrò molte auto con più di 120mila chilometri sulle spalle.

Questa considerazione introduce il secondo motivo: limitare i guasti meccanici. Ovviamente, più un’auto è attempata e chilometrata, più ci sono probabilità che debba affrontare soste frequenti in officina, con tutto quello che ne consegue in termini di gestione e, soprattutto, di sicurezza e di costi. Terzo motivo: ridurre le volture contrattuali, ovvero i cambiamenti dei contratti “in corsa”, operazione che costituisce un aggravio di lavoro non da poco per i Fleet Manager e per le società di noleggio partner

Leggi anche: i 5 modi per noleggiare un’auto

LA SODDISFAZIONE DEL DRIVER

C’è poi un tema che merita un capitolo a parte: quello della soddisfazione del driver. L’auto aziendale, assegnata con la formula del noleggio a lungo termine, è ancora un benefit ambito e può e deve rivelarsi uno strumento di incentivazione per i dipendenti. Ci sono aziende che addirittura premiano il driver, consentendogli di scegliere, se i risultati dei suo lavoro sono brillanti, auto di fascia più alta. 

canoni di noleggio a lungo termine

In questo senso, scegliere contratti più brevi significa dare la possibilità al proprio dipendente di cambiare spesso l’auto, di guidare sempre vetture relativamente nuove e di evitare, come già detto, un numero più elevato di soste in officina, che anche per il driver costituiscono un fastidio non da poco. Riassumendo: da una parte auto più “giovani” e, quindi, più sicure e affidabili, dall’altra driver e Fleet Manager più felici. Ecco, quindi, perché i contratti più corti possono essere una valida alternativa per le aziende che scelgono la formula del noleggio a lungo termine

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia