13 Giugno 2017

Karl-Thomas Neumann si è dimesso. Nuovo CEO per Opel

Michael Lohscheller è il nuovo CEO Opel. Termina così l’era di Karl-Thomas Neumann, che con un “cinguettìo” di Twitter ha annunciato le proprie dimissioni.

Il passaggio di consegne – o, meglio, il passo indietro da parte del “numero uno” – ha effetto immediato. L’uscita dello stesso dall’azienda non si avrà invece prima che il percorso di acquisizione da parte del Gruppo PSA sia arrivato alle battute conclusive.

Dapprima sono state inviate congratulazioni all’indirizzo del successore, accompagnate dalla certezza che “per Opel è stato scelto un buon amministratore delegato, che conosce perfettamente l’azienda”.

Alla foto dell’ultima uscita pubblica di Neumann sono state quindi affiancate le seguenti parole: “So di deludere alcuni di voi, ma spero che possiate comprendere la mia decisione”.

PER IL NUOVO CEO OPEL SCELTA RAPIDA E UNANIME 

Lohscheller, dal settembre 2012 direttore finanziario per il Marchio del Fulmine, è salito quindi sulla vetta della Casa di Rüsselsheim. La sua figura ha messo d’accordo tutti i componenti dell’Organo di Vigilanza dell’azienda, che ne hanno decretato l’immediata nomina in un momento particolarmente delicato della storia del costruttore tedesco.

Michael Lohscheller è il nuovo CEO Opel

Nel ringraziare per la “fiducia” accordatagli, il nuovo CEO Opel ha indicato nel contempo le linee che guideranno la sua azione ai vertici del Brand.

“Proseguiremo sulla strada tracciata, continuando ad acquisire forza come parte del Gruppp PSA. Dopo la chiusura della transazione, si affaccerà un nuovo campione in Europa. Sono ansiosi di cimentarmi nel mio nuovo incarico, nonché di lavorare con lo staff gestionale dell’azienda, così da sviluppare un piano di successo per il futuro di cui potranno beneficiare tutti i 38mila dipendenti Opel/Vauxhall, nonché gli stakeholder”.

Approfondisci: l’accordo tra ALD, BlaBlaCar e Opel, inizialmente riservato al mercato francese

FORSE UN’ALTRO MARCHIO TEDESCO NEL FUTURO

Quanto a Neumann, invece, al momento gira una sola voce riguardo alla prosecuzione della sua carriera professionale. Il rumour veicolato da alcuni importanti organi di informazione parla di Rupert Stadler, “numero uno” di Audi, che potrebbe essere sostituito proprio dal connazionale quale CEO della Casa dei Quattro Anelli.

“A livello personale è stata una decisione difficile quella di non accompagnare la squadra Opel/Vauxhall – ha commentato Neumann -. Sono orgoglioso di loro per i risultati raggiunti sinora e non ho alcun dubbio che l’operazione di acquisizione da parte del Gruppo PSA renderà in futuro quest’azienda ancor più forte e di successo. Per quanto mi riguarda, ho preso l’impegno di completarla. A seguire mi riserverò un po’ di tempo per decidere che cosa fare”.

avvio della produzione per Opel Crossland X
Nella foto un momento importante del recente passato, la produzione della prima Opel Crossland X

Sia Dan Ammann, Chairman e President dell’Organo di Vigilanza di Opel, sia il suo vice Wolfgang Schäfer-Klug hanno rimarcato l’importanza dell’operato dell’ex CEO. “Sotto la guida di Karl-Thomas Neumann sono stati compiuti enormi progressi – ha dichiarato il primo dei due -. Lo ringraziamo per il suo contributo fattivo negli ultimi quattro anni“.

Per Schäfer-Klug l’ex CEO “ha restituito il giusto riconoscimento al brand Opel, nonché una migliore brand image e una più forte consapevolezza di sé. Il tutto abbinato a modelli eccezionali sul piano della competizione“.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia