Nuovo Codice della Strada 2019: aggiornamenti e novità

Ciclomotori 125 in autostrada e addio alla tassa di possesso sui veicoli d'epoca, il nuovo Codice della Strada 2019 si rinnova, con aggiornamenti sia sulla circolazione che aumentando le sanzioni, come per l'uso di cellulari alla guida e la conduzione di veicoli non assicurati.

È stato messo a punto il testo definitivo che introduce interessanti novità per il Codice della Strada 2019. Nuovi standard di circolazione e sanzioni più severe per chi usa il cellulare alla guida, questi sono solo alcuni aggiornamenti discussi fino ad ora dai rappresentanti del Movimento 5 Stelle e Lega.

Nuove sanzioni per cellulare alla guida codice della strada 2019

NUOVO CODICE DELLA STRADA 2019

Il Codice della Strada, che disciplina il comportamento di tutti gli utenti della strada e le relative sanzioni, cambia volto, introducendo importanti novità per i conducenti e non solo: giro di vite sull’uso di cellulari, smartphone, tablet e simili, ma anche su veicoli messi in circolazione senza assicurazione.

Ciclomotori 125cc e moto elettriche potranno circolare in autostrada, mentre skateboard, monopattini e hoverboard saranno consentiti sulle piste ciclabili. Scopriamo tutte le novità del Codice della Strada 2019 nel dettaglio.

MODIFICHE ALLA CIRCOLAZIONE

LIMITAZIONE AI NEOPATENTATI

Norme più stringenti per i neopatentati, i quali entro i primi tre anni dal conseguimento della patente di categoria A2, A, B1 e B, non potranno superare il limite di 100 km/h in autostrada e 90 km/h nelle strade extraurbane principali.

Leggi anche: le categorie patente secondo il Codice della Strada

Specificatamente ai neopatentati che hanno conseguito la patente B, per il primo anno dal rilascio è vietata la guida di autoveicoli la cui potenza specifica è superiore a 55 kW/t.

CICLOMOTORI 125CC E MOTO ELETTRICHE IN AUTOSTRADA

Il nuovo Codice della Strada introdurrà anche un’estensione a ciclomotori 125 e moto elettriche per la circolazione in autostrada. Infatti, per quanto riguarda gli scooter 125, sarà solo necessario che il conducente abbia compiuto più di 18 anni.

Nuovo Codice della Strada 2019: ciclomotori 125 cc in autostrada

OBBLIGO DI ANABBAGLIANTI

In fase di stesura del testo di legge si era discusso a lungo dell’obbligo di luci di posizionamento e anabbaglianti per i veicoli fuori dai centri abitati anche nelle ore diurne. Tale mozione però è stata abolita al momento della votazione.

AUMENTO DELLE SANZIONI

CELLULARE ALLA GUIDA E VEICOLI NON ASSICURATI, NORME ANCORA PIÙ SEVERE

Aumentano invece le sanzioni per l’utilizzo di cellulari, tablet, notebook e dispositivi analogici che comportano l’allontanamento delle mani dal voltante, anche solo temporaneamente.

Leggi anche: cellulare alla guida e le sanzioni in Europa

Si parla di una multa da 422 a 1.697 euro, con sanzione accessoria della sospensione della patente da 7 giorni a 2 mesi. In caso di recidiva, la patente verrà sospesa per un periodo compreso tra uno e tre mesi. Decurtazione dei punti raddoppiata, da 5 a 10.

Raddoppia, anche, la sanzione amministrativa per i veicoli non assicurati, messi comunque in circolazione.

SOSTANZE STUPEFACENTI E DIVIETO DI FUMO ALLA GUIDA

Norme più severe per l’utilizzo di sostanze stupefacenti alla guida, limitatamente ai casi in cui è dimostrabile la presenza di tali sostanze nel corpo del conducente attraverso analisi del sangue o della saliva.

Approfondisci: cosa dice l’articolo 187 del CdS

A tal proposito il nuovo CdS 2019 introduce la possibilità di assistenza legale durante l’alcol test, qualora questo venga richiesto dalla polizia giudiziaria.

Nuovo Codice della Strada 2019: sanzioni per guida sotto l'effetto di stupefacenti

Non sarà presente, invece, una normativa sul divieto di fumare alla guida.

Leggi Anche: Cannabis Light, è legale alla guida?

COLLAUDI, IMMATRICOLAZIONI E TASSA DI POSSESSO

Un importante aggiornamento proviene anche dall’abolizione della tassa di possesso per i veicoli storici. Anche la normativa che regola le immatricolazioni si fa più blanda, consentendo ai privati non titolari di Partita Iva di immatricolare piccoli trattori fino a 6t.

Leggi anche: ogni quanto si deve fare la revisione?

Abolito anche il collaudo per i veicoli ai quali è possibile agganciare carrelli, poiché è sufficiente essere in possesso del certificato della casa costruttrice.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia