Maver: da Parigi alle flotte, ecco la nuova Discovery Sport

Tra le novità del Salone di Parigi 2014, tuttora in corso sotto la Tour Eiffel, spicca la categoria dei Suv compatti premium, capitanata dalla nuova Land Rover Discovery Sport. Una vettura, come abbiamo già visto, più compatta rispetto al passato, solo 4,59 metri di lunghezza, ma caratterizzata da una grandissima abitabilità. All’indomani della spettacolare world prémiere sulle rive della Senna – la vettura, per la gioia di fotografi e appassionati, è stata presentata a bordo di una chiatta lunga ben 80 metri, con tanto di improvvisato guado di un tratto allagato -, abbiamo incontrato al Salone di Parigi Daniele Maver, presidente di Jaguar Land Rover Italia, che ci ha spiegato nel dettaglio tutte le principali caratteristiche del modello, che sarà particolarmente adatto per la clientela delle flotte aziendali.

VIDEO: INTERVISTA A DANIELE MAVER, PRESIDENTE DI JAGUAR LAND ROVER ITALIA

<iframe src="//player.vimeo.com/video/108115867" width="500" height="281" frameborder="0" webkitallowfullscreen mozallowfullscreen allowfullscreen></iframe> <p><a href="http://vimeo.com/108115867">Daniele Maver, presidente JLR Italia</a> from <a href="http://vimeo.com/user21286131">Fleet Magazine</a> on <a href="https://vimeo.com">Vimeo</a>.</p>

ACCORGIMENTI DI ABITABILITA’ – “La Discovery Sport, novità che presentiamo qui al Salone di Parigi 2014, è un nuovo modello che arricchisce la famiglia Discovery” sottolinea Maver, che poi ribadisce la gloriosa storia del Discovery, lunga ben 25 anni, con tre generazioni alle spalle. “Grazie ad alcuni accorgimenti, come il sedile della seconda fila scorrevole e l’assenza di ammortizzatori che occupano spazio nel vano di carico, questa vettura ha una grossa abitabilità posteriore – 112 mm di spazio per le ginocchia – e la possibilità di offrire due posti aggiuntivi, nella configurazione 5+2″.

VERSATILITA’ PER OGNI UTILIZZO – La nuova Discovery Sport si caratterizza, dunque, per una grande versatilità di utilizzo. “Il modello, come tutte le Land Rover, è leader nel fuoristrada – aggiunge Maver -, ma in più offre un sistema denominato Active Driveline, che consente di abbinare la dinamicità di gestione di una due ruote motrici, quando ad esempio si viaggia in autostrada a velocità sostenuta, con le performance di una quattro ruote motrici, in particolare su terreni scivolosi”.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia