Nuova Audi A6 2018, la quinta generazione al Salone di Ginevra [LIVE]

Una delle protagoniste del Salone di Ginevra è la nuova Audi A6 2018. Seguendo la strada tracciata dall’Audi A7 e A8, anche la nuova Audi A6 è stata completamente ridisegnata.

Riflettori puntati sulla connettività, sulla sicurezza e sull’evoluzione dei powertrain, con l’avanzata dell’elettrificazione. Infatti, tutti i motori sono dotati di serie del sistema mild hybrid (leggi qui come funziona). Il lancio sul mercato italiano è previsto all’inizio del secondo trimestre 2018.

Andiamo a vedere da vicino le novità della nuova Audi A6 2018 appena svelata al Salone di Ginevra.

Approfondisci: Guarda il video teaser della nuova A6

LA NUOVA AUDI A6 2018

La nuova generazione dell’Audi A6 si presenta con superfici tese e linee vigorose, evidenziando il proprio carattere nel segno dell’eleganza sportiva, dell’alta tecnologia e della qualità.

nuova audi a6 al salone di ginevra 2018

A prima vista, risaltano le proporzioni bilanciate, il passo lungo, gli sbalzi ridotti, le linee scolpite della fiancata, l’ampia griglia single frame e i proiettori affilati. Per quanto riguarda le misure, la nuova Audi A6 è lunga 4,94 metri (+7 mm rispetto al modello precedente) e larga 1,89 metri (+12 mm), mentre l’altezza cresce di 2 mm (adesso è di 1,46 metri).

Da evidenziare l’ottimizzazione dell’aerodinamica: grazie a un Cx (coefficiente di resistenza aerodinamica) di 0,24 (appannaggio di una versione che sarà introdotta in un secondo tempo rispetto al lancio) la berlina dei Quattro Anelli promette di essere piacevolmente silenziosa anche a velocità sostenute. Altro fattore chiave è l’elevata rigidità torsionale della carrozzeria, presupposto di un comportamento di marcia sportivo. La scocca presenta una struttura in acciaio e alluminio.

GLI INTERNI DELLA NUOVA AUDI A6 2018

L’abitacolo della nuova Audi A6 risulta più ampio rispetto alla serie precedente. Maggiore spazio per la testa degli occupanti e le gambe dei passeggeri posteriori. Il bagagliaio ha una capienza di 530 litri. A richiesta, il baule (piuttosto corto e con un piccolo spoiler integrato che ottimizza l’aerodinamica) si apre elettricamente con un semplice movimento del piede. A bordo della nuova Audi A6 si percepisce anche il comfort dei nuovi sedili, che accentuano la vocazione alle lunghe percorrenze della berlina di Ingolstadt.

nuova audi a6 al salone di ginevra 2018

Entrando dentro la nuova Audi A6 2018 si apprezza un ambiente in stile lounge, all’insegna del relax, minimalista e concreto. Dopo essersi seduti al posto di guida, risalta immediatamente l’Audi virtual cockpit (il cui display misura 12,3”). La console è orientata verso il conducente, così come il display superiore (fino a 10,1”) MMI touch response. Lo schermo è inserito in una cornice in alluminio e, quando è spento, risulta pressoché invisibile in virtù del look black panel. C’è poi un altro display inferiore da 8,6”. Addio quindi ai comandi fisici. Tutto si gestisce come le app di uno smartphone.

Il sistema di comando MMI touch response è ideale per i clienti che percorrono molti chilometri e i gestori di flotte. Fino a sette driver possono memorizzare le proprie impostazioni preferite e i profili personalizzati, modificando oltre 400 parametri. Il sistema consente un accesso rapido e intuitivo alle funzioni della vettura, con feedback tattile e acustico. I comandi vocali, poi, riconoscono le espressioni di uso comune.

ASSITENZA ALLA GUIDA

Cresce il numero e il livello dei dispositivi di assistenza alla guida, per una maggiore sicurezza a bordo. Alla base della vasta gamma di sistemi c’è l’unità centrale di controllo del veicolo zFAS. Questa, grazie ai dati rilevati dai sensori, elabora un’immagine dettagliata dell’ambiente circostante. A seconda dell’equipaggiamento della nuova Audi A6 2018, sono previsti fino a cinque sensori radar, cinque telecamere, dodici sensori a ultrasuoni e uno scanner laser.

nuova audi a6 al salone di ginevra 2018

Da segnalare i sistemi Park Pilot e Garage Pilot (disponibili nel corso dell’anno), che tramite l’app myAudi sul proprio smartphone guidano da remoto la berlina negli spazi di parcheggio o nei garage, eseguendo anche la successiva manovra d’uscita. C’è pure il nuovo sistema di assistenza agli incroci e l’efficiency assistant (che supporta il guidatore nell’adozione di uno stile di guida volto al contenimento dei consumi).

MOTORI

Tutti i motori che equipaggiano la nuova A6 2018 sono dotati della tecnologia mild hybrid (che permette un taglio dei consumi fino a 0,7 litri di carburante ogni 100 km). Nel caso dei 3.0 V6 viene utilizzata una rete di bordo principale a 48 Volt, mentre nel caso dei 4 cilindri il sistema è a 12 Volt. Comune a tutti i propulsori è l’alternatore-starter azionato a cinghia (RSG), che opera insieme a una batteria agli ioni di litio. L‘Audi A6 può veleggiare, cioè avanzare per inerzia, a velocità comprese tra 55 e 160 km/h, grazie all’apposita funzione veleggiamento dell’auto (leggi qui cos’è e come funziona).

nuova audi a6 al salone di ginevra 2018

Quattro le motorizzazioni tra cui scegliere: un’unità TFSI e tre propulsori TDI con potenze da 204 a 340 CV. Il propulsore a benzina è un 3.0 TFSI turbo V6 da 340 CV e 500 Nm di coppia massima. Sul fronte del diesel, ecco il 3.0 TDI da 286 CV (forte di 620 Nm di coppia), disponibile anche nella configurazione da 231 CV e 500 Nm. Completa l‘offerta il quattro cilindri in linea 2.0 da 204 CV e 400 Nm. Cambio tiptronic a otto rapporti (per i V6 diesel) o S tronic a sette rapporti (per il 3.0 TFSI e il 2.0 TDI). Tutte le motorizzazioni da 3 litri sono abbinate di serie alla trazione integrale quattro.

Leggi anche: Audi lancerà la tecnologia mild hybrid su tutti i modelli

ASSETTO

Le innovative soluzioni d’assetto adottate migliorano la sportività e manegevolezza della nuova Audi A6. Un esempio è lo sterzo integrale dinamico. In corrispondenza dell’assale posteriore, un azionamento a vite fa sterzare le ruote fino a 5 gradi.

Alle basse velocità le ruote dietro girano in direzione opposta rispetto a quelle davanti, diminuendo l’angolo di sterzata di 1,1 metri. Ciò semplifica le manovre e l’agilità sullo stretto, nonostante le dimensioni della berlina sfiorino i cinque metri di lunghezza. A velocità elevate, invece, le ruote posteriori sterzano nella stessa direzione delle anteriori, ottimizzando la stabilità dell’auto.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia