12 Dicembre 2012

Nuova Autofrance: quando il dealer parla alle aziende

In primis, la ribadita vitalità del settore del noleggio a lungo termine. In secondo luogo, la presa di coscienza, da parte delle Case automobilistiche, dell’importanza del target delle piccole e medie imprese, per sua stessa natura raggiungibile attraverso il canale dei dealer sul territorio. Last, but not, least la convinzione, sempre più diffusa tra gli stessi concessionari, del valore aggiunto che la clientela aziendale può portare in questo momento in termini di redditività.
 Ua testimonianza dell’unione virtuosa di questi tre fenomeni arriva dal marchio Peugeot, che da tempo ha costruito un’efficiente organizzazione per supportare la rete nell’approccio alle aziende medio-piccole. E, in particolare, da uno dei suoi dealer, Nuova Autofrance Srl, operativo nel cuore dell’Emilia e molto forte nel comparto dei veicoli commerciali allestiti (leggi l’articolo sulle ultime novità di Peugeot).

LA STORIA – L’azienda è nata nel 1989, per iniziativa del titolare Claudio Campani, come concessionaria di autovetture e furgoni del Leone a Reggio Emilia e provincia, che in questi anni è cresciuta anche e soprattutto grazie all’attività con le flotte, che pesa per circa il 40% sul totale del business. Non a caso, oggi Nuova Autofrance può contare su 40 dipendenti, distribuiti tra attività commerciale e assistenza post-vendita, e su numeri di tutto rispetto: le previsioni di chiusura del 2012 parlano infatti di circa 1.200 unità immatricolate, di cui 200 veicoli commerciali.

UNA DIVISIONE DEDICATA – “La nostra struttura si è sviluppata seguendo l’evoluzione del mercato aziendale – conferma Filippo Pasini, direttore commerciale dell’azienda -: oggi in salone abbiamo una divisione, denominata ‘Van e Go’, espressamente dedicata alla clientela corporate e ai veicoli commerciali, nella quale lavorano a tempo pieno due responsabili Peugeot Professional e altri due professionisti che seguono da vicino le aziende”.

ALLESTITORI PER SCELTA – Negli ultimi tempi, in particolare, il dealer emiliano, come già accennato, ha puntato molto su un canale fortemente strategico per Peugeot, quello dei veicoli commerciali allestiti. “Considerando che su un trasformato la redditività è nettamente superiore rispetto a quella che si ottiene sul semplice veicolo, e che il programma Peugeot Professional ci ha fornito gli strumenti e le linee guida per investire in questo particolare settore, abbiamo deciso di diventare noi stessi allestitori, dedicando un ufficio ai clienti che desiderano trasformare il mezzo e offrendo loro la possibilità di configurare direttamente il veicolo attraverso un software denominato ‘Ecad’. Tra gli allestimenti oggi più richiesti ci sono le officine mobili, ma ci stiamo attrezzando anche per effettuare internamente trasformazioni più complesse, come per esempio le ambulanze”.

(Il servizio completo è disponibile sul numero di dicembre di Fleet Magazine)

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia