Tutto sulla nuova Land Rover Discovery 2017

Dopo 27 anni di carriera e oltre 1,2 milioni di esemplari venduti, la quinta serie della Discovery è stata ripensata per rispondere alle nuove esigenze della clientela, integrando quanto di meglio è attualmente disponibile nel Gruppo Jaguar Land Rover.

Per questo motivo la nuova Land Rover Discovery 2017 adotta l’innovativa piattaforma di alluminio con sospensioni posteriori Integral Link. Ciò ha permesso di ridurre fino a 480 kg la massa totale (fino a 2.099 kg a vuoto). Un risultato che fa compiere alla nuova Land Rover Discovery 2017 un passo avanti notevole in termini di guidabilità e di emissioni, grazie anche all’adozione dei propulsori Ingenium.

LA NUOVA LAND ROVER DISCOVERY 2017

Il nuovo Suv a sette posti (i sedili della terza fila sono stati progettati per accogliere adulti alti fino a 1,90 metri) si è evoluto in maniera drastica, sia dal punto di vista stilistico sia a livello meccanico.

Lungo 4,97 metri (+141 mm), con un passo di 2,92 metri (+38 mm) e una larghezza di 2,22 metri, garantisce un coefficiente aerodinamico di 0,33, un record nella storia del modello (in più, assetto rialzato di 43 mm, con una altezza minima da terra di 283 mm).

C’è un dato, tra quelli dichiarati, che impressiona più di tutti, capace di fornire la reale misura delle qualità off-road della nuova Land Rover Discovery 2017. Il riferimento è alla capacità di guado, di ben 90 centimetri (+20 centimetri rispetto alla versione precedente).

APPROFONDISCI

Salone di Parigi, la nuova Land Rover Discovery pronta per le car policy aziendali

Motor Show: anteprima nazionale per la nuova Land Rover Discovery

nuova Land Rover Discovery 2017 in azione

I SEGNI PARTICOLARI DI DISCOVERY

Il bagagliaio della nuova Land Rover Discovery 2017 offre una capacità di carico di 2.500 litri (abbattendo cinque dei sette sedili), o fino a 1.231 litri (con cinque posti utili). In configurazione normale, invece, la capienza è di 238 litri.

Fra le tecnologie concepite per l’utilizzo pratico nella vita quotidiana, troviamo il sistema Auto Access Height, che prevede l’abbassamento di 40 mm delle sospensioni pneumatiche per salire e scendere dalla vettura, e l’Activity Key (un bracciale impermeabile che, accostandolo al logo presente sul portellone, blocca il veicolo e disabilita il telecomando, che può essere tranquillamente lasciato in auto).

Sui terreni insidiosi, si può programmare il sistema All-Terrain Progress Control (ATPC): l’auto avanza lentamente alla velocità selezionata dal guidatore. Così, è possibile concentrarsi solo sullo sterzo, per affrontare più tranquillamente gli ostacoli, senza dover gestire acceleratore e freni.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia