Nuova Mazda3 2019, a Milano l’anteprima europea

Al via, in Italia, la prevendita della nuova Mazda3, recentemente presentata al Salone di Los Angeles. Grande attenzione al comfort e l'ergonomia. Due motori al lancio: 1.8 diesel da 116 CV e 2.0 a benzina mild hybrid da 122 CV. A giugno debutta il rivoluzionario propulsore Skyactiv-X.

Dopo la presentazione al Salone di Los Angeles, a Milano è andata in scena l’anteprima europea della nuova Mazda3 2019. L’innovativa hatchback, che arriverà in concessionaria a marzo, si è svelata al Tenoha, lo spazio polifunzionale dall’anima giapponese (ai Navigli). Il listino parte da 23.200 euro.

Nuova Mazda3 2019 grigia

La nuova Mazda3 è il primo modello di serie della Casa nipponica a incarnare l’evoluzione della filosofia stilistica KODO. Senza dimenticare la tecnologia Skyactiv vehicle architecture che, insieme ai più moderni sistemi di assistenza alla guida i-Activesense, assicura la perfetta armonia tra uomo e macchina: in estrema sintesi, il vero piacere di guida, quello che in Mazda chiamano Jinba Ittai.

E poi, il rivoluzionario propulsore a benzina Skyactiv-X che, al debutto con Mazda3, coniuga i vantaggi di un motore diesel con quelli di un benzina, promettendo di offrire rendimento e prestazioni superiori, anche in termini di abbattimento delle emissioni.

NUOVA MAZDA3 2019, TANTE ATTENZIONI UTILI A BORDO

L’uomo al centro del progetto Mazda3 è nelle soluzioni che stanno dietro il design e la tecnologia. Negli interni, la nuova Mazda3 2019 adotta il concetto “less is more”, ulteriore sviluppo del mantra stilistico del marchio, e la filosofia umano-centrica propria del costruttore giapponese.

Essenzialità e raffinatezza dominano l’abitacolo, ogni elemento del cockpit è disposto in perfetta simmetria con il guidatore, per creare un ambiente confortevole ed ergonomico. La semplicità del design interno viene impreziosita dai materiali e dalle ricche dotazioni che, insieme, conferiscono un aspetto elegante e premium.

Interni di Mazda 3

Con l’obiettivo di infondere fiducia a chi è al volante e garantire anche ai passeggeri un’esperienza di viaggio davvero piacevole, la nuova Mazda3 2019 non lascia al caso aspetti ergonomici come la posizione di guida, la disposizione dei pedali e la buona visibilità della vettura. Allo stesso tempo, evolvono gli Adas, che rendono la guida sicura e permettono di raggiungere quella perfetta armonia tra uomo e macchina, da sempre massima ambizione di Mazda.

In questo senso, da registrare anche l’introduzione di nuovi sedili, dalla struttura sviluppata per preservare la curvatura naturale della colonna vertebrale. In più, soluzioni di minore impatto, come i tergicristalli che si estendono per intero fino al montante lato guida per un’ottimale visione sulla strada, aiutata anche dalla riduzione degli angoli ciechi frontali.

Quattro gli allestimenti: Evolve, Executive, Exceed e Exclusive.

MAZDA3, ADAS: C’È IL TRAFFIC JAM IN AUTOSTRADA

La nuova Mazda3 nasce sulla nuova architettura SkyActiv. Tanta attenzione al comfort e alla qualità della vita a bordo, raccontata anche dal doppio isolamento tra pavimento e tappeti. Dell’uomo, la berlina 5 porte si prende cura con i sistemi di sicurezza attiva: l’i-Activsense rileva la soglia d’attenzione e stanchezza del guidatore ed emette avvisi acustici se necessario, oltre a predisporre i freni per un pronto attacco che rallenti l’auto.

Nuova Mazda3 2019 berlina

L’airbag per le ginocchia è di serie, mentre il Front Cross Traffic Alert monitora veicoli in attraversamento trasversale, con frenata automatica inclusa. L’assistenza avanzata alla guida è nel Cruising & Traffic Support, un cruise control adattivo con supporto al mantenimento di corsia nelle fasi in coda.

Leggi anche: Nuova Mazda6, prima prova su strada

MOTORI AL LANCIO

Tra le tante novità al debutto sulla nuova Mazda3 2019, c’è anche il sistema mild hybrid. Il 2.0 a benzina Skyactive-G M Hybrid da 122 CV si distingue per essere il primo propulsore Mazda dotato della tecnologia mild hybrid. 

Nuova Mazda3 2019 diesel

Il motore a benzina è supportato da un motore elettrico e da una batteria agli ioni di litio da 24V che, unite al sistema di rigenerazione dell’energia in frenata, garantisce ottime prestazioni migliorando il piacere di guida ai bassi regimi e, allo stesso tempo, un’elevata efficienza soprattutto nella guida urbana. Oltre al sistema mild hybrid, il motore adotta anche la disattivazione dei cilindri, che aumenta ulteriormente l’efficienza del motore quando non si richiede un’elevata coppia motrice (disattivando due dei quattro cilindri).

Per chi percorre tanti chilometri, la nuova Mazda3 propone il motore diesel Skyactiv-D 1.8 da 116 CV, che non necessita di alcun sistema di riduzione degli ossidi di azoto allo scarico (SCR). Merito delle soluzioni tecniche adottate: iniettori piezoelettrici ad alta pressione, turbina a geometria variabile e rapporto di compressione di 14,8:1. Risultato? Consumo medio di 4,1 l/100 km ed emissioni di CO2 pari a 107 g/km.

MOTORE SKYACTIV-X, PERLA TECNOLOGICA

Un po’ diesel e un po’ benzina nel suo funzionamento è l’unità Skyactiv-X. Si tratta di un 2 litri alimentato a benzina. Questo rivoluzionario propulsore introduce un innovativo sistema di combustione denominato Spark Plug Controlled Compression Ignition (SPCCI), che combina i vantaggi del motore a benzina con accensione a scintilla con quelli del motore diesel ad accensione per compressione.

Ne deriva una motorizzazione “crossover”, che offre il meglio di entrambe le alimentazioni (una superiore risposta dell’acceleratore, una grande erogazione di coppia, consumi contenuti e un motore lineare, silenzioso e dalle basse emissioni).

Mazda3 telaio e motore

Dal punto di vista tecnico, il segreto sta nella combinazione di una miscela “ricca” in prossimità della candela e di una miscela aria-benzina “magra” nel resto della camera di combustione. In estrema sintesi, migliora esponenzialmente l’omogeneità dell’accensione ed è possibile utilizzare miscele aria-benzina molto più magre rispetto a un classico motore con scoppio comandato esclusivamente dalle candele.

Il motore Skyactiv-X è assistito dal nuovo sistema ibrido intelligente M Hybrid di Mazda, che contribuisce all’aumento del risparmio di carburante e innalza i livelli del piacere di guida e del rispetto dell’ambiente.

Leggi anche: Skyactiv-X centrale nella strategia Mazda 2030

SOSPENSIONI, NIENTE MULTILINK AL POSTERIORE

Restando sul fronte della tecnica, va segnalata la proposta di un sistema quattro ruote motrici i-Activ AWD, più efficiente nelle perdite d’attrito meccanico e ottimizzato nella rilevazione del carico verticale su ogni singola ruota, così da operare in simbiosi con il G-Vectoring Control Plus, sistema elettronico che gestisce l’angolo di imbardata in curva intervenendo sui freni nella rotazione del veicolo intorno al suo asse verticale.

Semmai, un punto sul quale si aspettava una soluzione più elaborata, è nella scelta della sospensione posteriore, un asse a ponte torcente che offre il vantaggio di minori ingombri a tutto beneficio del volume di carico, tuttavia, cede qualcosa nel controllo più raffinato dei movimenti al volante rispetto alle soluzioni multilink. L’avantreno ricorre al classico MacPherson.

DIMENSIONI DI NUOVA MAZDA3 2019

Dimensioni di Mazda 3

Mazda 3 hatchback è sostanzialmente invariata nelle misure. Dimensioni che dicono di una lunghezza di 4,46 metri per una larghezza di 1,80 metri e un’altezza di 1,44 metri.

Cresce un po’ il passo, a 2,72 metri, offrendo più spazio a bordo. Quanto al design, la hatchback 5 porte è molto influenzata dai bei concept RX-Vision e Vision Coupé, esercizio di stile con cui il brand ha fluidificato il Kodo design, introducendo forme più avvolgenti e morbide soprattutto in coda, amplificando la sportività.

Le linee esterne della nuova Mazda3 si uniscono a un delicato gioco di luci e riflessi che rendono la hatchback sofisticata, esprimendo una sensazione di naturale dinamicità.

Leggi anche: Mazda, novità Business su CX-5: l’allestimento per le flotte

Rispetto al concept Mazda Kai (che aveva anticipato le linee della compatta a due volumi), cambiano i gruppi ottici, resiste l’impostazione della linea di cintura in prossimità del montante C e la marcata inclinazione del lunotto in avanti. Anche il frontale non si discosta dall’impostazione di stile del concept ed è il fronte forse maggiormente in continuità con il modello che va a rimpiazzare.

INTERNI ALL’INSEGNA DI ELEGANZA ED ERGONOMIA

Rivoluzionati gli interni, da modello premium per abbinamento dei materiali e disegno, nonché ottimizzazione ergonomica, che vede il posizionamento più avanzato e in alto della leva del cambio manuale e della manopola di controllo dell’infotainment MZD Connect, con display ampio, 8,8 pollici, posto nella parte alta della plancia.

Anche i comandi della climatizzazione, solitamente bassi e davanti alla leva, guadagnano una posizione migliore, accanto al volante di fatto. Colori e forme enfatizzano la fasciatura della plancia estesa sui pannelli porta, per un ambiente molto curato visivamente.

Tag

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia