Nuova Opel Astra, è rivoluzione di stile e tecnica con due Hybrid plug-in

Cambia parecchio la berlina compatta, riprende soluzioni lanciate da Mokka e sviluppa la componente Adas e ibrida plug-in. Intelli-Drive 2.0 è un Livello 2 "potenziato", due le motorizzazioni Hybrid

Nuova Opel Astra, sesto atto. A trent’anni di distanza, la berlina compatta introduce una generazione radicalmente diversa dal recente passato. Lo è per stile, tecnologia dei sistemi connessi, assistenza alla guida e, ovviamente, motorizzazioni elettrificate.

Nuova Opel Astra 2021

NUOVA OPEL ASTRA 2021

Non uno ma ben due ibridi plug-in, da dettagliare nelle caratteristiche nei prossimi mesi, quando – appuntamento in autunno – aprirà la raccolta ordini. Prime consegne previste a inizio 2022.

Leggi anche: Luglio di incentivi per Opel, scopri le promozioni

DESIGN

Del design è uno sposare linee spigolosissime, con l’integrazione sul frontale della fascia Opel Vizor, la presenza dei fari Intelli-Lux Pixel Light, ciascuno con 84 led singoli, per gestire l’intensità luminosa e garantire al tempo stesso massima visibilità evitando di abbagliare altri guidatori.

Ha tratti ben delineati, nuova Opel Astra 2021, spigoli che scrivono la fiancata e il posteriore, dove i fari sembrano richiamare un po’ l’altra grande rivale del segmento C. A richiesta si potrà scegliere anche con l’abbinamento bicolore tra tetto e carrozzeria.

DIMENSIONI

Il capitolo dimensioni, detto del progetto sviluppato su architettura EMP2, resa del 14% più rigida e con un miglior controllo della stabilità alle velocità più elevate, registra minime variazioni.

Approfondisci: La strategia Stellantis sull’elettrico, tra piattaforme, motori e batterie

In lunghezza misura 4,37 metri per 1,86 metri in larghezza e un passo, aumentato di 13 millimetri, a 2,67 metri. Adeguato il bagagliaio, con 422 litri di volume.

INTERNI

Nuova Opel Astra interni

Ancora design, ma dall’interno di Opel Astra 2021, per ritrovare il Pure Vision, elemento ripreso da Opel Mokka come la calandra. L’abbinata di due schermi da 10 pollici sviluppa strumentazione e infotainment, con servizi connessi. I comandi fisici sono ridotti al minimo, dal bel design a tasti di pianoforte in plancia, oltre al selettore delle modalità di guida sul tunnel e al selettore del cambio automatico 8 marce, una delle opzioni disponibili.

Plancia futuristica, orientata verso il guidatore nell’infotainment, interfaccia uomo-macchina perlopiù touch. A completare il tutto, la novità dell’head up display.

È un posto guida avvolto da sedili certificati AGR, ergonomici e con possibilità di rivestimento in pelle Nappa o Alcantara, anche ventilati. Un tratto distintivo di Opel Astra. 

ADAS

Nuova Opel Astra ricarica ibrida

Del comparto Adas (leggi quali sono i 5 più utili in città) va detto di un sostanziale sviluppo del Livello 2 di assistenza alla guida. È potenziato dall’Intelli-Drive 2.0, in grado di attuare un cambio corsia semi-autonomo, grazie ai rilevamenti prodotti dalla camera frontale, da altre 4 camere sulla carrozzeria, più i sensori radar. 

Un Adas Intelli-Drive 2.0 dotato di regolazione adattiva della velocità in curva, del cruise control adattivo (con stop&go se presente il cambio EAT8),  del suggerimento della velocità da tenere in funzione dei limiti rilevati. Con il Rear Cross Traffic Alert e il monitoraggio dell’angolo cieco a copertura ampliata si completa la sintesi dei principali Adas presenti su nuova Opel Astra.

MOTORI

Sul mercato andrà con motori turbo benzina PureTech e diesel, in una fascia di potenze comprese tra 110 e 130 cavalli. L’abbinamento sarà al cambio manuale 6 marce o automatico 8 rapporti, quest’ultimo di serie su Opel Astra Hybrid. Non una ma due ibride plug-in, con potenza fino a 225 cavalli.

Leggi anche
Consigliati per te
Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia