Nuova PEUGEOT 508 SW: un must per le flotte aziendali

La nuova PEUGEOT 508 SW si conferma un must per le flotte aziendali: proposta anche in versione Business e disponibile con la formula del noleggio a lungo termine Free2Move Lease, la vettura trova nelle motorizzazioni Diesel BlueHDi e nei valori residui i suoi punti di forza principali.

Un grande classico che si rinnova. La nuova PEUGEOT 508 SW, che ha debuttato in Italia dopo aver esordito in anteprima mondiale al Salone di Parigi 2018, si conferma un must per le flotte aziendali. Se le generazioni precedenti sono infatti sempre state “B2B Oriented”, questo nuovo modello lo è ancora di più.

“Nuova PEUGEOT 508 SW si rivolge principalmente alla clientela B2B: stimiamo infatti che l’80% delle vendite sarà rivolto a questa tipologia di utenza. Per questo, abbiamo studiato in maniera particolarmente attenta le dotazioni e i livelli di allestimento della vettura” spiega Gianmarco Ottolini, marketing director di PEUGEOT Italia.

Nuova Peugeot 508 SW su strada

Approfondisci: il nostro test drive della nuova 508

NUOVA PEUGEOT 508 SW BUSINESS

Il primo step è avvenuto quasi naturalmente: mettere a listino una versione Business. Ma non è il solo. “Abbiamo voluto fare di più rispetto al passato: la nuova 508 SW Business presenta una ricchissima dotazione di ADAS, ideale per chi utilizza la vettura per lavoro. In particolare, voglio citare l’Adaptive Cruise Control e il Lane Positioning Assist. Una menzione particolare meritano poi i sedili AGR, omologati da un ente tedesco, che ne certifica comfort e ergonomia ai massimi livelli” spiega Ottolini.

Leggi anche: gli Adas che diventeranno obbligatori a partire dal 2022

A questi aspetti, sulla station wagon del Leone si aggiungono altri plus per le flotte aziendali: il piacere di guida, determinato dalla meccanica, con le sospensioni posteriori multilink e sospensioni attive, e l’ultima generazione del PEUGEOT i-Cockpit (scopri qui come funziona), che integra al suo interno la navigazione e (di serie o in optional a seconda delle versioni) il Night Vision, un sistema di sicurezza che utilizza una telecamera a raggi infrarossi e permette di rilevare la presenza di esseri viventi davanti al veicolo di notte o in caso di visibilità ridotta.

nuova Peugeot 508 SW interni

LE MOTORIZZAZIONI PER LE FLOTTE AZIENDALI

Quali sono le motorizzazioni più appetibili per la clientela fleet? “Di sicuro interesse per le flotte è il motore 1.5 BlueHDi Diesel da 130 Cv, abbinato al cambio automatico a 8 rapporti EAT8. Questo propulsore assicura infatti il massimo piacere di guida, con prestazioni interessanti in termini di consumi. Abbiamo poi in gamma altre motorizzazioni Diesel, come il 2 litri, disponibile con 160 Cv o 180 Cv, abbinato di serie al cambio automatico a 8 rapporti” risponde Ottolini.

La nuova 508 (sia fastback che SW) sarà poi disponibile a fine 2019 anche in versione plug-in hybrid, declinazione del concetto di transizione energetica promosso dal Leone, una novità importante anche e soprattutto per i Fleet Manager che vogliono abbassare le emissioni del proprio parco auto, senza rinunciare all’eleganza e alle prestazioni del modello. 

nuova Peugeot 508 SW retro

CANONI DI NOLEGGIO E VALORI RESIDUI

In collaborazione con Free2Move Lease (scopri gli ultimi progetti del brand di Groupe PSA), PEUGEOT propone la nuova 508 SW con la formula del noleggio a lungo termine. L’offerta di lancio comunicata dal Leone permette di mettersi al volante della station wagon ammiraglia pagando 389 euro al mese, con RC Auto, Assicurazione Furto e Incendio, Kasko, manutenzione ordinaria e straordinaria, tassa di possesso inclusi.

In generale, i canoni si annunciano molto competitivi, considerando che valori residui e TCO saranno, secondo la Casa, un punto di forza. “Dalle analisi e dai confronti fatti sul modello rispetto alla concorrenza, la nuova 508 SW presenta un valore residuo tra i più alti della categoria, a fronte oltretutto di un listino molto competitivo. I consumi sono best in class rispetto ai competitor diretti, sia premium che generalisti. Inoltre i costi di manutenzione, grazie alla nuova piattaforma, sono molto bassi nel ciclo di vita – conclude Ottolini – Un valore residuo molto interessante, dunque, supportato anche da equipaggiamenti molto ricchi di serie già dalle versioni entry level, che permettono di avere contenuti in termini di tecnologia e sicurezza tra i migliori nella categoria”.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia