Nuova Renault Captur, non solo ibrido E-Tech

La seconda generazione del suv urbano svetta per disponibilità di spazio, offre un corredo di ADAS completo e introduce l'ibrido E-Tech

Compie un deciso salto in avanti, nuova Renault Captur. Segue l’impronta lasciata da Clio, lo fa segnando una rottura più decisa rispetto al Captur di prima generazione.

nuova Renault Captur 2019

Migliora drasticamente la presenza su strada, merito di dimensioni maggiorate e di un’impostazione del frontale e della coda più dinamici.

NUOVA RENAULT CAPTUR 2019

Linee fatte dalle luci full led, con l’elemento diurno a C davanti, geometria che definisce un posteriore reso minimal e interessantissimo nel taglio del faro. L’ampia calandra resta tra gli elementi del family feeling Renault, trasformata nella versione Captur Initiale Paris e caratterizzata da ampie cromature.

DIMENSIONI DI NUOVA RENAULT CAPTUR

É una nuova Renault Captur più grande, l’incremento in lunghezza raggiunge gli 11 centimetri, valore che proietta il SUV urbano in diretta contrapposizione con modelli quali Volkswagen T-Roc. Il passo cresce di 2 centimetri, arriva a 2,63 metri.

Dove svetta è nell’offerta di spazio nel bagagliaio. Con 536 litri è il riferimento nel segmento B degli sport utility.

Leggi anche: Il rilancio di Clio a tutta tech

Vano configurabile, grazie ai sedili posteriori scorrevoli di 16 centimetri, per una versatilità che può modulare lo spazio disponibile per passeggeri e bagagli. Miglioramenti che, la nuova generazione nata su pianale CMF-B, realizza anche sotto forma di un pavimento piatto per 1.57 metri abbattendo i sedili posteriori, 11 centimetri in più di lunghezza da sfruttare.

MOTORI DI NUOVA RENAULT CAPTUR, ARRIVA L’IBRIDO

nuova Renault Captur E-Tech

È la generazione che introdurrà all’ibrido plug-in. Nel 2020 è attesa Renault Captur E-Tech, anche qui con inevitabili tratti di Clio. Il sistema prevede l’abbinamento del motore termico 1.6 litri aspirato alla componente elettrica, con due motori di trazione, in uno schema che punta a estendere l’impiego della trazione elettrica in più a lungo possibile. Dichiara 65 km di autonomia nel ciclo urbano WLTP, diventano circa 45 nel misto, con velocità limitata a 135 km/h. Ad alimentare i motori elettrici che realizzano la trasmissione – essi stessi cambio – c’è il pacco batterie da 9.8 kWh.

Leggi anche: Zoe alimenta il car sharing elettrico sul Lago di Garda

L’offerta di motori di nuova Renault Captur comprende anche le unità turbo benzina e turbodiesel. Debutta il tre cilindri Tce da 1 litro nella versione 100 cavalli e 160 Nm, motore declinato anche nella proposta bifuel a gpl. È abbinato al cambio manuale 5 marce, dove il 6 marce o l’EDC 7 marce doppia frizione, sono offerti con il quattro cilindri 1.3 litri da 130 cavalli e 240 Nm.

Stessa cubatura, livello di potenza da 155 cavalli e 270 Nm – esclusivamente con cambio EDC 7 – per il momentaneo top di gamma. Sul versante dei motori diesel, i Blue dCi 1.5 litri offrono 95 cavalli e 240 Nm o 115 cavalli e 260 Nm. Manuale di serie per entrambi, doppia frizione optional sul più potente dei due.

INTERNI, SMART COCKPIT IN BELLA MOSTRA

Interni di nuova Renault Captur

Il rinnovamento totale presentato all’esterno si specchia in interni anch’essi totalmente rivisti. L’abitacolo è più curato nei materiali, offre grandi margini di personalizzazione e propone diverse soluzioni per strumentazione e infotainment. Lo Smart Cockpit vede l’infotainment da 9,3 pollici al vertice dell’offerta, alternativa ai display da 7 pollici, con o senza navigatore satellitare. La strumentazione è proposta nelle specifiche 7 o 10,2 pollici, quest’ultima con indicazioni del navigatore integrate.

La maggior cura realizzativa si apprezza nel tunnel rialzato e con led integrati, elemento sospeso che ospita il cambio EDC a impulsi. I vani portaoggetti all’interno valgono 27 litri e, i sedili, offrono una seduta 15 mm più lunga per un miglior supporto sulle lunghe percorrenze. Gli schienali adottano un profilo più scavato, a beneficio dei passeggeri posteriori: +17 mm di spazio utile per le gambe.

Leggi anche: Guidare Captur a noleggio, ecco quanto costa

L’allestimento Captur Initiale Paris si distingue per l’ambiente dai colori esclusivi, i rivestimenti in pelle – pure offerti a richiesta e in alternativa alle soluzioni in TEP e tessuto -; il tetto panoramico apribile, insieme alla possibilità di tetto con quattro colorazioni a contrato con la carrozzeria, allunga l’elenco delle personalizzazioni.

ADAS DI NUOVA CAPTUR, EASY DRIVE PER IL LIVELLO 2

Caratteristiche di nuova Renault Captur

Resta da dire del corredo di sistemi ADAS. Nuova Renault Captur racchiude le soluzioni di assistenza alla guida di Livello 2 nell’Easy Drive System. Con l’Highway e Traffic Jam Companion, la correzione della traiettoria, abbinata al cruise control adattivo con stop&go, permette viaggi in autostrada e una marcia nel traffico più comfortevole.

Leggi anche: Le soluzioni per guidare un suv da meno di 20 mila euro

La telecamera a 360 gradi, il parcheggio automatizzato, l’avviso anticollisione posteriore, la frenata d’emergenza con riconoscimento di pedoni e ciclisti, sono altri dispositivi di sicurezza attiva e soluzioni rivolte alla semplificazione della guida.

Nel corredo di ADAS rientrano anche il riconoscimento della segnaletica stradale, il Lane Keeping Assist, il limitatore di velocità.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia