Nuova Seat Leon 2020: il primo assaggio su strada della quarta generazione

La nuova Seat Leon, rispetto al passato, cambia nello stile e nelle motorizzazioni, arrivando ad “ospitare” ben 5 diverse tipologie di alimentazioni. Su strada è compatta, robusta e dinamica, con una buona dose di tecnologia in aiuto al driver.

Oltre 20 anni di carriera e più di 2,2 milioni di auto vendute: la nuova Seat Leon 2020 si presenta sul mercato italiano con questo biglietto da visita invidiabile.

La quarta generazione si evolve nello stile e nelle motorizzazioni, senza snaturare il Dna della Leon: un’auto “giovane” che, però, specie nella versione wagon, sa essere un modello perfetto per le esigenze di Business. Oggi abbiamo provato in anteprima la vettura, partendo da Verona e macinando un centinaio di km sulle strade della campagna scaligera, con, a fare da cornice, gli splendidi paesaggi del lago di Garda.

Approfondisci: i 10 segreti della nuova generazione del modello

IL TEST DRIVE DELLA NUOVA SEAT LEON 2020

ESTERNI

Rispetto al passato, prima di tutto, cambia ciò che non si vede: la Leon, infatti, fiore all’occhiello della gamma Seat 2020, adotta nuova piattaforma MQB Evo, che pur mantenendo compatte le dimensioni (4,37 metri di lunghezza per la berlina) allunga il passo di 50 mm.

Questo significa maggiore abitabilità interna. Spicca poi la firma luminosa, con fari anteriori a Led dal design rinnovato che garantiscono un piglio maggiormente sportivo. Dietro, i gruppi ottici a Led si uniscono attraversando tutto il posteriore, conferendo uno stile originale alla quarta generazione di Seat Leon.

INTERNI

Gli interni della nuova Seat Leon sono invece minimal, all’insegna della razionalità e dell’ergonomia. La tecnologia, al tempo stesso, cresce di livello: ci sono infatti il digital Cockpit da 10,25 pollici e un display centrale da 10 pollici di facile lettura e dalle grafiche accattivanti.

Interni nuova Seat Leon 2020

Il Seat Full Link garantisce la connettività con Apple CarPlay e Android Auto (in entrambi i casi wireless). C’è anche il riconoscimento vocale, attivabile con l’espressione “Hola Hola”, ulteriore garanzia di sicurezza e comfort. La vettura, poi, è sempre connessa alla rete grazie ad una e-sim incorporata, che consente di aggiornare il sistema di infotainment in tempo reale.

MOTORI

Sulla nuova Seat Leon, Seat propone ben 5 diverse tipologie di motorizzazioni: diesel, benzina e Mild Hybrid fin da subito, alle quali si aggiungeranno Plug-in Hybrid (che sarà a listino già nei prossimi giorni) e metano (entro fine anno)  Quattro gli allestimenti: Style, Business, Xcellence e FR.

I motori benzina, che partono dal 1.0 per arrivare al 2.0, spaziano da 90 Cv a 190 Cv, mentre i motori diesel, tutti 2.0, vanno da 115 Cv e 150 Cv. Noi abbiamo provato la versione Mild Hybrid con motore eTSI da 150 Cv e 250 Nm di coppia, abbinato al cambio automatico DSG, con allestimento top di gamma FR.

Leggi anche: le strategie della Casa di Martorell verso l’elettrificazione

IMPRESSIONI DI GUIDA

Quello che si nota subito è il lavoro compiuto dai progettisti della Casa di Martorell sull’insonorizzazione. Nei tratti misti che caratterizzano la campagna veronese, la guida è confortevole e il motore si mantiene tranquillo, ma quando serve sa anche essere brillante.

Esterni nuova Seat Leon Mild Hybrid

Ho apprezzato lo sterzo, molto preciso nelle curve, mentre poco da dire sul cambio DSG a a 7 marce: è ormai collaudato e fluido, solo quando si opta per un’andatura più sportiva perde leggermente efficacia. 

ADAS 

Torniamo alla tecnologia. Smanettando un po’, si scopre che gli Adas sono parecchi e, in particolare, tra i tanti dispositivi spiccano:

  • il Cruise Control Adattivo Predittivo (adatta la velocità di crociera impostata dal driver in base al percorso selezionato nel sistema di navigazione e in base alla configurazione della strada da percorrere),
  • Front Assist con sistema di frenata d’emergenza e rilevamento pedoni e ciclisti,
  • High Beam Assist,
  • Lane Assist,
  • Riconoscimento dei segnali stradali e limitazione della velocità,
  • Emergency Assist con eCall (i sensori dell’auto monitorano l’attività del conducente; in caso di mancato rilevamento di attività da parte sua, il sistema avvia segnali acustici e visivi e, in caso di ulteriore mancata reazione, avvia le misure di emergenza),  
  • Exit Warning (rileva gli ostacoli nell’angolo cieco in fase di manovra).

Test drive nuova Seat Leon

PREZZI E CANONI DI NOLEGGIO

Il listino della nuova Seat Leon 2020 parte da 22.200 euro per l’entry level 1.0 TSI 90 Cv Style, ma con l’attuale promo Seat il prezzo d’entrata diventa di 19.500 euro. La Mild Hybrid 1.5 eTSI da 150 Cv che abbiamo provato costa invece 29.300 euro.

Le soluzioni di noleggio a lungo termine sulla nuova Seat Leon offrono i primi tre canoni gratis (promo valida al momento fino al 31 luglio). In particolare, la Seat Leon 1.5 Mild Hybrid eTSI 150 Cv con cambio DSG e allestimento FR (quella della nostra prova) è disponibile a 199 euro al mese e un anticipo di 3.283 euro (Iva esclusa) per i possessori di Partita Iva. Per i clienti privati invece, la rata è di 289 euro e un anticipo di 2.999 euro, Iva inclusa (fonte: Seat Italia).

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia