8 Febbraio 2018

Nuova SsangYong Rexton, un po’ Suv un po’ fuoristrada [FOTO e VIDEO]

Ho provato per una decina di giorni, dopo averla vista al Salone di Francoforte 2017, la nuova Ssangyong Rexton, il maxi SUV di segmento D arrivato alla quarta generazione con molte novità stilistiche e di contenuto, allineandosi ad uno stile più europeo. Il design si è ammodernato, i contenuti si sono arricchiti di accorgimenti ed equipaggiamenti tecnici evoluti in ambito di assistenza alla guida.

Ho guidato la Rexton con motore diesel 2.2 litri e cambio automatico a sette marce in allestimento Icon con trazione sia 2WD che 4WD, con la possibilità di riduzione per i percorsi più impegnativi.

IL TEST DRIVE DI SSANGYONG REXTON

Design esterno: linee semplici e proporzionate

Il design esterno della nuova SsangYong Rexton si è rinnovato completamente diventando più moderno e dinamico, mantenendo comunque proporzioni piuttosto equilibrate nonostante le misure importanti che lo caratterizzano: 4.850 mm di lunghezza, 1.920 mm di larghezza fino ai 1.800 mm di altezza con un passo di 2.864 mm.

design nuova ssangyong rexton

Il frontale, che ospita i fari che ora guadagnano il LED, si presenta con un aspetto inedito. Il paraurti rimane piacevole senza forzare troppo la linea, che prosegue con lamierati nuovi nelle fiancate dove non passano inosservati i passaruota più squadrati. Al posteriore lo stile riprende quanto visto per il frontale.

Gli interni di Ssangyong Rexton

Salendo a bordo, e osservando gli interni di Ssangyong Rexton, rimango colpito dal grande salto fatto in termini di qualità di materiali e accostamenti, anche se devo tenere conto che sto provando l’allestimento Icon top di gamma. La pelle traforata sui sedili e trapuntata sulla plancia creano un’atmosfera premium, grazie anche alle plastiche curate.

interni ssangyong rexton

Per quanto riguarda l’infotainment è interessante il sistema touch da 9,2”, coadiuvato da un altro schermo all’interno del quadro, che domina la plancia. Il sistema è provvisto dell’Around View Monitor per facilitare i parcheggi ed è compatibile con i sistemi Apple CarPlay e Android Auto per la connessione agli smartphone.

Quello che esternamente si traduce in volumi e misure difficili da gestire nei parcheggi, nella guida in città e nei box auto, internamente diventa sinonimo di abitabilità e carico notevole. La portata del bagagliaio è di 820 litri di capacità e arriva a quasi 2000 abbattendo gli schienali.

C’è spazio per tutti anche per i più alti e le regolazioni elettriche dei sedili permettono di trovare sempre la posizione più adatta. Questo vale anche per la seconda fila dove viene mantenuta la stessa attenzione e dove nessuno delle persone che ho fatto salire a bordo si è mai lamentato.

Su strada: agile nell’off-road

La nuova SsangYong Rxxton, che cambia completamente pelle arrivando ad avere un peso ridotto, migliore robustezza, mantiene un solo legame, oltre al nome, con le serie precedenti: il telaio a longheroni su cui poggia la carrozzeria realizzato con un ampio uso di acciaio ad altissima resistenza (AHSS). Questa particolarità fuoristradistica aiuta il maxi suv a comportarsi in modo eccellente in fuori strada.

Il cuore pulsante sotto al cofano del modello provato è un propulsore 2.2 turbodiesel da 181 CV (e 420 Nm di coppia) abbinato nel mio caso a una trasmissione automatica a sette marce di derivazione Mercedes-Benz. La trazione può essere 2WD oppure 4WD inseribile tramite un comando sulla plancia. che trasferisce la potenza al posteriore, inserendo l’anteriore solo all’occorrenza.

nuova ssangyong rexton su strada

Se in città ho trovato qualche difficoltà nel gestire le dimensioni da maxi suv nella ricerca di spazi, mi sono invece stupito quando sono uscito dall’asfalto e dal pavè. La Rexton è in grado di affrontare sassi, sabbia, fango, salite, discese senza battere ciglio. Questo è possibile grazie alle impostazioni presenti che permettono non solo di passare dalla trazione posteriore alla integrale, ma anche di integrare il tutto con il blocco del differenziale, un elemento solitamente presente su auto sviluppate esclusivamente per l’off road.

Per quanto riguarda la sicurezza ho trovato tutto quello che doveva esserci e che oggi si trova su veicoli di ultima generazione full optional: il sistema di frenata automatica d’emergenza, il sensore dell’angolo cieco, l’avviso di superamento di corsia, il riconoscimento dei segnali stradali, il sistema intelligente di rilevamento posteriore degli ostacoli e una telecamera con visione panoramica 3D.

Ho trovato utile in termini di sicurezza anche la compatibilità con Apple CarPlay e Android Auto.

Conclusioni: buon rapporto qualità prezzo

La nuova Rexton, disponibile in versione Road, Dream e Icon, parte da circa 35 mila euro mentre per la versione che ho provato io si deve investire circa 47.000 euro. Troppo? Forse no e potrebbe essere adatta a chi cerca tanto spazio, concretezza, un ambiente quasi premium e con buone doti da off-road. Ricordo che la Rexton vanta il telaio a longheroni su cui poggia la carrozzeria, finezza di stampo fuoristradistico.

Forse l’altezza da terra nel quotidiano può far storcere il naso a qualcuno.

Listino prezzi della SsangYong Rexton

  • SsangYong Rexton Road 2WD M/T: 35.400 euro
  • SsangYong Rexton Dream 2WD M/T: 37.900 euro
  • SsangYong Rexton Road 4WD M/T: 37.900 euro
  • SsangYong Rexton Dream 4WD M/T: 40.400 euro
  • SsangYong Rexton Road 4WD A/T: 40.400 euro
  • SsangYong Rexton Dream 4WD A/T: 42.900 euro
  • SsangYong Rexton Icon 4WD A/T: 46.900 euro
Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia