13 Marzo 2014

Nuova Volkswagen Polo, ecco la tecnologia Mirror Link

La nuova Volkswagen Polo, presentata al Salone di Ginevra, è caratterizzata da un elevato livello tecnologico. Non stiamo parlando dei soliti noti dispositivi, ma del Mirror Link, un sistema che differenzia nettamente la nuova generazione della vettura da quelle passate. E che si presenta particolarmente adatto per i driver delle flotte aziendali.

Cos’è il Mirror Link, introdotto da Volkswagen? Si tratta, come suggerisce il nome, di un dispositivo che consente di “specchiare” la schermata e, quindi, i contenuti del telefonino di chi guida – deve essere, però, un cellulare Android – sul display touchscreen della vettura. Dunque, come intuibile, siamo di fronte di un sistema che permette al driver di controllare direttamente sullo schermo, e con la stessa grafica, tutte le funzioni “mobile”: dagli sms, alle email, fino alle più tradizionali telefonate di lavoro, gestite attraverso la rubrica.

Inoltre, Mirror Link consente di utilizzare le varie Apps che chi guida oggi ha a disposizione. Stiamo quindi parlando di un up-grade importante rispetto all’ormai noto Bluetooth. L’elevata tecnologia della nuova Polo si esprime anche nei propulsori: i Fleet Manager si rallegreranno nel vedere affiancati ai classici 1.0 e 1.2 a benzina, tradizionali cuori pulsanti delle vetture di segmento B, un 1.4 TDI da 90 e 105 Cv, oltre a un più potente 1.4 TSI da 150 Cv. Inoltre, il telaio è stato aggiornato con uno sterzo elettromeccanico più preciso rispetto al passato. Considerato l’elevato livello tecnologico e gli sforzi compiuti dalla Casa in termini di comfort di guida, dunque, la nuova Polo si avvicina notevolmente alle esigenze delle flotte aziendali.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia