7 giorni con Opel Grandland X: il Test Drive della 2.0 diesel automatica da 177 CV (3)

Abbiamo provato la Opel Grandland X nel nostro consueto Test Drive lungo una settimana. Motore 2.0 turbodiesel da 177 CV e cambio automatico a 8 marce. Ecco il diario dei nostri 7 giorni con il C-Suv tedesco!

COME VA SU STRADA

Mercoledì

Soft, non sportiva, nonostante la potenza del motore, la nuova Opel Grandland X mostra una capacità poco comune di assorbire buche, tombini, rotaie del tram. Davvero top il sistema Start&Stop: il riavvio del motore tramite alternatore reversibile resta un riferimento assoluto in termini di efficienza (è rapidissimo), silenziosità, assenza di vibrazioni. In una parola: eleganza. Sì, perché ormai è qualche annetto che i questi sistemi sono entrati a far parte delle nostre abitudini quotidiane e non ci sta male un po’ di evoluzione.

Opel Grandland X bianca

Francamente, in particolare sulle auto di una certa categoria, mi fa proprio piacere non sentire più, al semaforo in ripartenza, il desueto e singhiozzante rumore del motorino d’avviamento. La tecnologia viene dal Gruppo PSA e ben si sposa con la vocazione di questa vettura, ovvero essere comoda e poco affaticante. 

Sempre in città, quando si esce carichi di borse dal supermercato, si apprezza il portellone elettrico che, a differenza di altri modelli provati, non è dispettoso, ma si apre davvero se metti il piede sotto il paraurti

Opel Grandland X vano bagagli

Parcheggiando a filo marciapiede, tocca solo stare attenti ai profili inferiori delle portiere, che chiudono a guscio e pertanto sono piuttosto bassi rispetto all’altezza da Suv della Opel Grandland X. Meglio farci caso prima di spalancare gli sportelli.

Leggi anche: quanto costa noleggiare la Opel Grandland X

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia