7 giorni con Opel Grandland X: il Test Drive della 2.0 diesel automatica da 177 CV (6)

Abbiamo provato la Opel Grandland X nel nostro consueto Test Drive lungo una settimana. Motore 2.0 turbodiesel da 177 CV e cambio automatico a 8 marce. Ecco il diario dei nostri 7 giorni con il C-Suv tedesco!

GLI INTERNI

Sabato & Domenica

A una selleria di questa qualità ti abitui in fretta. Poi tornare al tessuto è più difficile. E’ vero, si tratta di un optional (1.500 euro) ma per questa cifra i contenuti sono notevoli. Si può dire ideali per un driver di flotta. In questo senso gli interni della Opel Grandland X rispettano la tradizione della Casa. 

Opel Grandland X sedile anteriore

Sento che delle poltrone anteriori mi mancheranno presto, oltre alla freschezza della pelle traforata, le 12 regolazioni elettriche, più quella manuale del sottocoscia. E il supporto lombare che si sposta non solo avanti-indietro, ma anche in verticale. L’organizzazione tedesca per la salute posturale AGR (Aktion Gesunder Rücken) ha certificato questi sedili ergonomici per la loro posizione di seduta e il comfort per la schiena. Ma al di là dell’etichetta, in effetti sono validi e lo capisci dopo ore. 

Opel Grandland X abitacolo

Proprio a fianco delle due manopole della temperatura del climatizzatore bi-zona, ci sono i tasti per attivare e regolare anche la ventilazione interna delle poltrone, che contribuisce non poco alla comodità. In più su questa Opel Grandland X ci sono il volante riscaldabile e il “Winter Pack Plus”, offerto a soli 160 euro, che include il riscaldamento di tutte le poltrone, anche quelle posteriori (tranne il posto centrale). E per altri 250 euro anche il parabrezza diventa termico. Mi viene già voglia di andare a sciare.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia