Parcheggio autonomo: l'esperimento di Daimler e Bosch
 

Parcheggio autonomo: Daimler e Bosch lo hanno realizzato in Germania!


Il parcheggio autonomo, ormai, è una realtà. Si chiama Automated Valet Parking ed è un sistema innovativo di posteggio ideato e realizzato da Daimler e Bosch all’interno dell’autosilo multipiano del Mercedes-Benz Museum di Stoccarda.

parcheggio autonomo Daimler Bosch

Una novità hi-tech estremamente interessante, in prospettiva, anche per i driver delle flotte aziendali che si spostano in città. E che costituisce un’ulteriore evoluzione del filone inaugurato dal Park Assist.

COME FUNZIONA IL PARCHEGGIO AUTONOMO DI DAIMLER E BOSCH 

Basta cliccare un comando sul proprio smartphone per far dirigere la vettura autonomamente verso il posto che le è stato assegnato (o verso il driver stesso). Non occorre, quindi, che il conducente supervisioni la manovra. Per la prima volta, il parcheggio autonomo viene supportato da un’infrastruttura. Un passo in avanti deciso verso la guida autonoma, ambito cruciale nelle strategie di Daimler.

Ecco come funzionerà. Il driver, tramite una app, potrà prenotare la vettura, che sarà in grado di raggiungere la pick-up area in maniera autonoma. Allo stesso modo, al momento della restituzione, il cliente potrà posteggiare la vettura stessa nella drop-off area e restituirla sempre tramite l’app. Una volta rilevata dal sistema intelligente del parcheggio, la vettura si accenderà e si dirigerà in un posto auto assegnato.

Approfondisci: Guida autonoma, metà degli italiani non la vuole!

IL RUOLO DEI DUE ATTORI PROTAGONISTI

Se Bosch ha creato l’infrastruttura intelligente del parcheggio autonomo, le tecnologie a bordo delle vetture utilizzate sono firmate da Mercedes-Benz. Nello specifico, il parcheggio è ricco di sensori in grado di monitorare il corridoio dove transitano le auto e l’area circostante e comandare le vetture connesse.

I sistemi di bordo, poi, traducono in realtà i comandi provenienti dall’infrastruttura, effettuando automaticamente le manovre e, se necessario, provvedendo al tempestivo arresto del veicolo.

Related Posts

Scrivi un commento

La tua casella di posta non verrà pubblicata.

*