7 Gennaio 2021

Pedaggi autostradali: nessun aumento per il 2021, o quasi

Il decreto Milleproroghe blocca gli adeguamenti per i pedaggi autostradali. Nel 2021, i rincari riguarderanno solo il 2% della rete autostradale italiana.

Buone notizie per i viaggiatori della Penisola. L’aumento del costo dei pedaggi autostradali quest’anno non ci sarà. Il Ministero di Infrastrutture e Trasporti ha confermato che non sarà applicato nessun aumento alle tariffe per il 98% della rete autostradale in concessione.

pedaggi-autostradali-2021

La sospensione di qualsiasi adeguamento tariffario nei confronti delle società per cui è in corso la revisione o l’aggiornamento del rapporto concessionario è introdotta dal decreto Milleproroghe. Solo due le società per cui è previsto un rincaro (pari al 2% della rete autostradale nazionale).

Approfondisci: Dal 2022 il pedaggio autostradale varierà in base alle emissioni

LE TRATTE DOVE AUMENTA IL PEDAGGIO

Gli adeguamenti tariffari sono stati riconosciuti esclusivamente per Autovia Padana e Bre.Be.Mi. Per le tratte gestite dalle società, il rincaro sarà, rispettivamente, del +3,20% e del +3,49%. Nel 2021 dunque percorrere la tratta dell’A21 Piacenza – Brescia costerà un po’ di più.

pedaggi-autostradali-rincari-2021

E aumenterà anche il costo previsto per le auto che passeranno sul tratto autostradale che collega Milano, Bergamo e Brescia. In questo caso, l’incremento è dovuto agli oneri di costruzione di una nuova tratta, ma per gli utenti abituali il concessionario ha previsto un 30% di sconto. Anche uscire dall’Italia costerà un po’ di più. Dal 1° gennaio 2021 sono infatti aumentate le tariffe dei pedaggi autostradali per il Traforo del Monte Bianco e del Frejus.

Leggi anche: Sconti del 50% sui pedaggi per i camion elettrici, l’ok della commissione europea

Come si calcolano i pedaggi autostradali

Il rincaro annuale dei pedaggi è dovuto alla somma dei parametri tariffari che, in Italia, sono rappresentati da: inflazione, parametro “riequilibrio” e parametro legato alla remunerazione degli investimenti. Variazioni che, per le altre società concessionarie, verranno applicate solo quando saranno definiti i nuovi contratti, che dovranno tener conto del regime tariffario previsto dall’Autorità di regolazione dei trasporti.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia