Peugeot e-Rifter, il multispazio elettrico sull’esempio Traveller

Peugeot amplia l'offerta di motorizzazioni sul multispazio Rifter e introduce un sistema elettrico da 280 km di autonomia. Standard o Long, la versatilità degli interni è quella di sempre

La “e” abbinata a un altro modello, dopo le soluzioni Traveller, Partner, Expert, Boxer. Tocca a Peugeot e-Rifter interpretare in chiave elettrica il ruolo di multispazio. Lo fa condividendo una tecnica già nota, perché uguale alle altre proposte di veicoli commerciali elettrici Peugeot. Con Peugeot Rifter elettrico si ritrova lo schema del grande e-Traveller, modificato nel rapporto di riduzione per la trasmissione della coppia alle ruote anteriori.

Peugeot E-Rifter 2021

PEUGEOT E-RIFTER

Così, motore da 136 cavalli e 260 Nm nella modalità di guida Power, dove in Normal la potenza è di 109 cavalli per 210 Nm e, in Eco, 82 cavalli e 190 Nm puntano tutto sulla massima efficienza.

Approfondisci: Peugeot, gli incentivi e le offerte su elettrico e ibrido

Proposto con batteria da 50 kWh (garantita 8 anni o 160 mila km), il multispazio Peugeot e-Rifter può percorrere fino a 280 km, autonomia dichiarata nel ciclo WLTP e valore migliore tra le diverse configurazioni.

RIFTER ELETTRICO, DIMENSIONI STANDARD O LONG

Le zero emissioni del gruppo motopropulsore infatti si inseriscono in un Rifter declinato in due diverse lunghezze, Standard (4,40 metri) e Long (4,75 metri), con interni a 5 o 7 posti. La modularità dello spazio, vitale per un modello come e-Rifter, non è intaccata, grazie al posizionamento della batteria al di sotto del pianale.

Si può scegliere nella configurazione 5 posti con panca posteriore o tre sedute singole in seconda fila, dove e-Rifter Long 7 posti prevede una terza fila con sedili scorrevoli e rimovibili. Quanto al volume utile, a bordo si contano 775 litri nella configurazione Standard 5 posti, diventano 4.000 litri in configurazione Long con seconda e terza fila assenti.

Peugeot e-Rifter 7 posti

DOTAZIONE  DI PEUGEOT E-RIFTER

Multispazio è una formula di carrozzeria che si presta all’elevata capacità di carico come a una guida automobilistica, con tutti i comfort. Non manca il tetto panoramico Zenith né il lunotto apribile, tantomeno un i-Cockpit ottimizzato con le informazioni legate al sistema elettrico. È proposto in versione analogica o interamente digitale, con schermo da 10 pollici, disponibile di serie su Peugeot e-Rifter Allure Pack, allestimento medio-alto della gamma che andrà sul mercato italiano nel corso del prossimo autunno.

interni di Peugeot Rifter elettrico

Active sarà l’allestimento d’accesso, Allure lo step superiore, poi Allure Pack con infotainment da 8 pollici e il top di gamma GT: cerchi da 17”, climatizzatore bizona e sedili della seconda fila ripiegabili singolarmente sono contenuti di serie che meritano una menzione.

INTERNI, COMFORT EXTRA SU RIFTER ELETTRICO

Se lo spazio e la capacità di carico restano invariati, l’adozione del sistema elettrico a batteria (prestazioni velocistiche dichiarate in 130 orari di velocità massima, 11”2 in accelerazione) apporta un extra di funzionalità per quanto riguarda le possibilità di climatizzazione. È disponibile un riscaldamento potenziato da 5 kW, inoltre il circuito di gestione termica del pacco batterie è integrato con quello di climatizzazione dell’abitacolo. Temperatura interna che potrà regolarsi da remoto, via app myPeugeot, oppure dal display dell’infotainment.

Approfondisci: Peugeot e-Traveller, navetta e Multispace a batteria

Alla guida del Peugeot Rifter elettrico sarà possibile intensificare il recupero energetico nelle fasi di rallentamento, operando sul selettore e-Toggle (rimpiazza il cambio) e attivando la Brake Mode: il recupero energetico da parte del motore diventa più intenso, con esso l’effetto frenante.

RICARICA DI PEUGEOT E-RIFTER

Ricarica di Peugeot e-Rifter

Detto di come Peugeot accompagni verso l’elettrico con tutta una serie di servizi, a partire dalle soluzioni di ricarica, vale ricordare il Mobility Pass grazie al quale è possibile noleggiare a canoni vantaggiosi un veicolo termico quando necessario, per coprire ad esempio lunghe distanze.

L’autonomia di marcia di 280 km è sufficiente nell’impiego quotidiano, con possibilità di ricarica che spaziano dalla comune presa domestica – sebbene soluzione tutt’altro che ideale – alla colonnina a corrente continua da 100 kW: in 30 minuti si riporta il livello di carica della batteria all’80%.

Leggi anche: Dal multispazio al furgone, l’elettrico su Peugeot Partner

Il bilanciamento ottimale è nelle proposte di Wallbox domestico, da 7,4 o 11 kW, specifiche di caricatore di bordo offerte su e-Rifter. Con caricatore da 7,4 kW servono 7 ore e mezza per una ricarica completa, con il Wallbox da 11 kW e il caricatore di bordo di uguale potenza, i tempi si riducono a 5 ore.

ADAS, RIFTER ELETTRICO HA QUEL CHE SERVE

Adas di Peugeot Rifter elettrico

La dotazione del multispazio è completa, tra contenuti di serie e altri a richiesta, si spazia dalla navigazione connessa con mappe 3D, all’interfaccia Apple CarPlay e Android Auto, fino agli Adas come cruise control adattivo, monitoraggio della soglia di attenzione del guidatore, alert di uscita involontaria dalla corsia, riconoscimento dei limiti stradali e della segnaletica stradale.

Scegliere un Peugeot Rifter elettrico anziché nelle proposte di motorizzazioni termiche è, per il “termometro” del TCO, un vantaggio misurato nel 50% in meno dei costi di manutenzione nell’arco di 48 mesi, nonché negli incentivi offerti, tra bonus, riduzione del bollo, tassa di immatricolazione inferiore – al pari dell’assicurazione –.

Tag

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia