Pininfarina Battista, al Salone di Ginevra debutta la hypercar elettrica

A un anno dalla presentazione del nuovo marchio, Pininfarina svela la hypercar elettrica dalle prestazioni estreme. 150 esemplari in produzione dal 2020

La prima creatura di Automobili Pininfarina è dietro l’angolo. Pininfarina Battista sceglie il Salone di Ginevra 2019 per svelare le linee definitive della hypercar elettrica che verrà prodotta dal prossimo anno. 

AUTOMOBILI PININFARINA A GINEVRA

Centocinquanta esemplari, distribuiti da una rete globale di “ambasciatori del lusso” e delle prestazioni.

Rete di vendita in via di espansione e presente sui mercati principali per il nuovo marchio diretto da Michael Perschke. 

Pininfarina al Salone di Ginevra 2019

Cinquanta esemplari di Pininfarina Battista sono destinati al mercato nord-americano, 50 esemplari verranno consegnati in Europa e 50 tra l’area mediorientale e asiatica.

LE CARATTERISTICHE DELLA HYPERCAR BATTISTA 

Battista Pininfarina al Salone di Ginevra

La hypercar elettrica che scopriremo a Ginevra, prima mondiale in pubblico il 5 marzo, è spinta da motori elettrici per una potenza di sistema pari a 1.900 cavalli e 2.300 Nm di coppia.

Leggi anche: A Verona la ricarica delle elettriche dai pali della luce

Numeri estremi, per un’auto candidata a riscrivere i riferimenti prestazionali ottenuti da un’hypercar alimentata a batterie.

LA PARTNERSHIP CON RIMAC

Caratteristiche Battista Pininfarina

Dall’annuncio della creazione di Automobili Pininfarina – con il supporto del gruppo Mahindra -, nell’aprile del 2018, all’imminente presentazione di Ginevra, il marchio ha stretto una collaborazione tecnica con Rimac.

La partnership è rivolta alla fornitura del gruppo motore-trasmissione e del pacco batterie, cuore in grado di centrare le prestazioni estreme.

Leggi anche: Manovra 2019, agevolazioni sull’installazione di wallbox domestici

I dati annunciati, dicono di uno zero-cento orari inferiore ai 2 secondi e un’accelerazione da zero a 300 km/h in meno di 12 secondi. Quanto all’autonomia di marcia, è dichiarata in circa 450 km per singolo ciclo di ricarica.

IL SOGNO DI BATTISTA

Il prototipo PF0 è già stato presentato a potenziali clienti, con anteprime private; da una sigla a un nome, che non poteva non rendere omaggio a Battista Pinin-Farina.

Hypercar elettrica Pininfarina

È dare concretezza al sogno di un marchio che arrivasse a produrre automobili in proprio e non solo firmare lo stile di alcune tra le più belle automobili realizzate dai partner storici di Pininfarina.

Cosa attendersi dalla hypercar Battista? Il design è frutto del centro stile diretto da Luca Borgogno e dal concept PF0 sono emersi chiari i primi dettagli di un progetto alla ricerca della massima efficienza aerodinamica, ottenuta attraverso una linea particolarmente pulita.

Approfondisci: Autonomia auto elettriche, come incide il freddo

DOPO LA HYPERCAR UN SUV

Nei piani di sviluppo di Automobili Pininfarina, hypercar elettrica a parte, c’è un percorso di ampliamento dell’offerta, che passerà da uno sport utility destinato a sviluppare il mantra del marchio: gran lusso, esclusività del design e prestazioni elevate.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia