Pista, il car sharing sperimentale per Messina firmato Targa Telematics

Il car sharing arriva a Messina con Pista e la tecnologia di Targa Telematics, in prima linea sul territorio per la ricerca e lo sviluppo sulla mobilità. Possibile evoluzione del servizio con l’integrazione di auto elettriche e di altre forme di smart mobility.

A Messina è stato inaugurato il servizio di car sharing della società Pista (Piattaforma per l’Innovazione e la Sostenibilità di Trasporti e Ambiente), con Targa Telematics come partner tecnologico del progetto. Il progetto è per ora in fase sperimentale.Pista Messina

Pista vuole dare una risposta concreta al problema del traffico urbano attraverso l’adozione di una mobilità condivisa e integrata con le modalità di trasporto già presenti a Messina. Il servizio parte con una sperimentazione, che vede il coinvolgimento dell’Università degli Studi di Messina. Studenti, docenti e personale hanno a disposizione una flotta di 25 veicoli (14 Smart fortwo e 11 Smart forfour) per i loro spostamenti.

PISTA CAR SHARING A MESSINA

Targa Telematics, che ha curato anche il car sharing elettrico a Latina e in Salento,  fornisce l’infrastruttura hardware e software. La piattaforma digitale gestisce la tecnologia del servizio, dalla registrazione dell’utente alla prenotazione del veicolo, al pagamento. Con l’app mobile l’utente può noleggiare, ritirare e restituire l’auto presso i poli universitari (Annunziata, Ingegneria, Policlinico), visibili su mappa.

Con la lettura del QR-Code posto sul parabrezza o inserendo il numero di targa, l’utente apre le portiere e, prelevate le chiavi dal cruscotto, avvia il motore per raggiungere la destinazione desiderata. Terminato il noleggio, il veicolo viene parcheggiato in uno degli stalli di Pista e si avvia in pochi clic la procedura di chiusura del mezzo. Numerosi i servizi disponibili, tra cui la centrale operativa di Targa Telematics attiva 24/7, che supporta i driver in qualsiasi fase dell’utilizzo del servizio.

Leggi anche: Car sharing elettrico nel Sud Italia, un fenomeno in crescita

DUE ANNI DI SPERIMENTAZIONE

Sono previsti due anni di sperimentazione sul campo, in modo da poter misurare, anche con l’analisi dei dati raccolti dalla piattaforma tecnologica di Targa Telematics, se ci sia un cambio culturale e di approccio all’utilizzo delle auto in modalità condivisa e valutare come l’intera comunità possa beneficiare di soluzioni di trasporto innovative e sostenibili.Car sharing a Messina

I POSSIBILI SVILUPPI

Possibili evoluzioni del progetto sono l’integrazione del servizio con auto elettriche o altre forme di smart mobility, quali scooter e bike sharing. L’obiettivo a lungo termine è la realizzazione di una mobilità condivisa e integrata che possa fungere da snodo in un territorio quale quello di Messina e della vicina Calabria, attraverso convenzioni tra Comuni e altri enti locali, agevolando il collegamento tra e verso porti e aeroporti. Per raggiungerlo, il primo passo è promuovere il cambiamento culturale e degli stili di vita dei cittadini, sensibilizzando il rispetto dell’ambiente con l’adozione di veicoli in condivisione.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia