Polestar 2, prima visione sull’elettrica che sfida Tesla Model 3

Berlina elettrica quattro porte, per prezzo e dimensioni andrà ad attaccare il mercato conteso da Model 3. L'influenza stilistica sulla seconda Polestar arriverà dal Concept 40.2 di Volvo

C’è un percorso di assoluta indipendenza che si appresta a partire. Polestar 2 sarà il secondo progetto ad arrivare sul mercato, dopo il debutto, in estate, dell’emozionale super-GT ibrida Polestar 1.

Polestar 2 elettrica

Polestar entità indipendente da Volvo, a sua volta già con un preciso piano di transizione all’offerta interamente elettrificata, che vuol dire anzitutto assistenza elettrica ai motori termici.

Approfondisci: Come funziona l’ibrido plug-in Volvo

Elettrica a batterie sarà Polestar 2. Annunciata per la prima volta da un teaser, antipasto di una presentazione che non dovrebbe tardare a rivelarsi, prima del lancio nella seconda metà del 2019.

ELETTRICA MEDIA CON INFLUENZE VOLVO

Ha una rivale ben precisa nel mirino, Tesla Model 3. Si posizionerà nella stessa fascia di prezzo, anticipano dal brand scandinavo, lo farà con una proposta di carrozzeria che, da quanto emerge nel teaser, suggerisce una coda da fastback quattro porte.

Leggi anche: Tesla Model 3, i prezzi sul mercato italiano

Volvo 40.2 Concept elettrico

Gli indizi sulla strada che potrebbe seguire il progetto, perlomeno dal punto di vista estetico, vanno nella direzione del Concept 40.2 di Volvo, presentato nel 2016 insieme a quel crossover 40.1 che si è concretizzato in Volvo XC40.

Approfondisci: La prova su strada di Volvo XC40

MOTORE E AUTONOMIA DI MARCIA

A ben vedere, la prima evoluzione del design, se il confronto si fa con Concept 40.2, sta nella fascia a tutta larghezza dei gruppi ottici posteriori. Si intuisce ancora poco di quel che sarà Polestar 2.

Sappiamo, invece, con quali credenziali andrà all’attacco del mercato elettrico e dimensioni da prodotto di segmento medio, riprendendo il confronto con Tesla Model 3. Dal sistema elettrico si attendono circa 400 cavalli, motore alimentato da una batteria in grado di garantire un’autonomia di marcia prossima ai 480 chilometri per singola carica.

Autonomia Polestar 2

GOOGLE CUORE DELL’INTERFACCIA UOMO-MACCHINA

Si riempie di contenuti, il percorso che porterà alla presentazione, anche per quel che riguarda la proposta di sistemi hi-tech a bordo, infatti, Polestar 2 sarà la prima auto a introdurre un sistema di interfaccia uomo-macchina (HMI) firmato Google, come anche un assistente personale realizzato dall’azienda di Mountain View e specifico per l’applicazione nel campo automobilistico.

Leggi anche: Google Maps segnala le postazioni di ricarica

Diversamente dall’esclusivissima Polestar 1, la proposta “2” dovrà andare a caccia di volumi produttivi superiori e aggredire un mercato che, al 2025, varrà poco meno di 30 milioni di esemplari elettrici.

Tag

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia