Premiato il recupero più spettacolare di auto rubate

Tra le tante competizioni del settore automotive non pensavo ce ne fosse una che potesse premiare il rilevamento e recupero della 500 su cui viaggiava il ricercato “fotografo dei vip” Fabrizio Corona.

Eppure è  stato assegnato a Rimini il Premio dell’International Association of Auto Thefts Investigators (IAATI)  per l’operazione più spettacolare e innovativa di recupero di auto rubate a livello continentale nel 2013 alla Squadra Mobile della Questura di Milanoproprio la rocambolesca cattura di Corona dello scorso gennaio.

L’ambito premio viene conferito ogni anno alle forze dell’ordine che si sono distinte per il recupero di auto rubate grazie all’utilizzo di dispositivi elettronici. L’operazione è stata condotta in partnership con la centrale operativa LoJack che ha consentito, grazie al dispositivo in radiofrequenza installato sulla macchina, di rilevare la posizione del fuggitivo prima a Madrid e poi a Lisbona, costringendolo alla resa.

Il premio è stato consegnato nel corso della tre giorni annuale promossa dall’Associazione e organizzata per la prima volta in Italia dal 29 settembre al 4 ottobre; l’evento ha portato a Rimini esperti e addetti ai lavori delle forze di polizia dei cinque continenti, ma anche professionisti “privati”, per approfondire il fenomeno criminale del furto e riciclaggio dei veicoli.

Quello di quest’anno è probabilmente il caso più famoso, ma già due anni fa il premio venne assegnato  a una eclatante operazione di recupero compiuta dalla Polizia di Frontiera Marittima del Porto di Napoli che aveva intercettato all’interno di container a bordo di una nave diretta in Giappone due Ferrari (una 458 e una 599), una Porsche Panamera e una Mercedes SLS AMG (a tiratura limitata, solo 250 esemplari), per un valore di oltre 1 milione di Euro.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia