Tecnologia plug-in per la nuova Porsche Cayenne E-Hybrid

Sportiva ma dal cuore ecologico, la nuova Porsche Cayenne E-Hybrid con tecnologia plug-in è l’ultima acquisizione nel ramo dei modelli elettrificati per la Casa di Zuffenhausen.

Leggi anche: Le caratteristiche dell’ultima generazione di Porsche Cayenne

La new-entry tra gli Sport Utility Vehicles del Marchio tedesco propone un intervento significativo per quanto attiene all’unità abbinata al propulsore 6 cilindri benzina, più potente rispetto al passato, perché eleva il numero di cavalli da 333 a 340.

Il sistema ibrido si costruisce ora a partire da un inedito motore elettrico da 136 CV (+43%), la cui trazione consente di coprire fino a 44 km grazie all’energia erogata dalla batteria agli ioni di litio da 14,1 kWh.

Leggi anche: Che cosa rivelano le prime foto-spia dell’elettrica Porsche Mission E

IL SUV IBRIDO PLUG-IN SCATTANTE MA PARSIMONIOSO

Ci troviamo di fronte a un gruppo propulsore complessivo di 462 Cv e 700 Nm di coppia, in grado di toccare una velocità massima di 253 km/h (135 km/h in modalità zero emissioni) e di toccare i 100 km/h in cinque secondi esatti.

La nuova Porsche Cayenne E-Hybrid in azione

Il powertrain installato è il medesimo presente sulla Panamera 4 E-Hybrid.

Leggi anche: Tutto quello che c’è da sapere su Porsche Panamera 4 E-Hybrid

Un altro modello a listino a cui la nuova Porsche Cayenne E-Hybrid rende omaggio è la 918 Spyder, di cui ricalca la strategia di boost, che in alcune circostanze le consente di attingere nello stesso momento all’intera coppia elettrica e di risultare quindi estremamente scattante. 

La possanza del Suv ibrido plug-in tedesco si sposa tuttavia con un miglioramento dell’efficienza di marcia. Secondo le rilevazioni legate al vecchio ciclo di omologazione NEDC, i consumi di carburante appaiono contenuti tra i 3,2 e i 3,4 litri per 100 km. Quelli di energia, invece, tra 20,6 e 20,9 kWh/100 km.

PIENO DI ENERGIA: QUANTO TEMPO SERVE E DOVE FARLO

La ricarica completa del veicolo richiede meno di otto ore in caso di collegamento a una presa domestica da 10 Ah (Ampere-ora). Ne bastano invece due, al massimo tre, utilizzando il sistema opzionale da 7,2 kW.

Grazie al Porsche Charging System, i futuri possessori del Suv ibrido plug-in tedesco potranno fare il pieno di energia appoggiandosi alle colonnine di ricarica gestite da vari provider. La spesa sarà addebitata su un unico account Porsche ID.

Visione frontale della nuova Porsche Cayenne E-Hybrid

Leggi anche: Come funziona il noleggio con Porsche Flex Drive

LA TECNOLOGIA SU/PER PORSCHE CAYENNE E-HYBRID

Un “dashboard” tecnologico – il Porsche Communication Management – consentirà agli acquirenti di tenere monitorato lo stato della propria auto direttamente via smartphone.

L’applicazione Porsche Connect permetterà loro di controllare una serie di parametri, dal livello della batteria al numero di chilometri residui percorribili in modalità elettrico puro, dalle localizzazione delle infrastrutture ove attingere kiloWatt al percorso per raggiungerle.

Sarà inoltre possibile agire da remoto  – e a motore spento – su diverse funzioni, tra cui la gestione della temperatura di bordo, così da trovare un abitacolo rinfrescato/riscaldato al proprio arrivo.

Gli interni della nuova Porsche Cayenne E-Hybrid

La presentazione della nuova Porsche Cayenne E-Hybrid sta coincidendo per la Casa di Zuffenhausen con l’introduzione di una serie di “plus” su tutta la gamma Cayenne, quali cerchi in lega da 22″, sedili massaggianti e un inedito sistema head-up display, che proietterà sul parabrezza informazioni utili per il driver.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia