8 Settembre 2021

“I pedoni vanno più veloci delle auto”, a Parigi proteste contro il limite di 30 km/h

“I pedoni vanno più veloci delle auto” è lo slogan della protesta degli automobilisti parigini, costretti a sottostare ad autovelox così severi da essere attivati persino da chi fa jogging.

Il limite di velocità di 30 orari deve diventare la norma per città, paesi e villaggi in tutto il mondo”, Unasca (Unione Italiana Autoscuole e Studi di Consulenza Automobilistica) lo chiede ormai da anni. E qualche città ha già iniziato ad ascoltarla.

proteste-limiti-velocità-parigi

A Milano, ad esempio, ci ha raccontato qualche tempo fa l’assessore alla mobilità Marco Granelli, le zone dove il limite di velocità è fissato a 30 km/h sono sempre più numerose. Così come cominciano ad esserlo anche in Francia, dove le nuove regole hanno creato parecchi scontenti.

Approfondisci: Arrivata l’ora di abbassare i limiti di velocità a 30 km/h in città?

I FRANCESI CONTRO I LIMITI DI VELOCITÀ

Dallo scorso 30 agosto, il Comune di Parigi ha deciso di abbassare da 50 a 30 km/h il limite di velocità per le auto su quasi tutte le strade della capitale. E a poco più di una settimana dall’entrata in vigore della nuova norma, le proteste sono già numerose.

limiti-velocità-parigi

Così come i litigi tra automobilisti, schierati in due fazioni: le “lumache” che rispettano i limiti, procedendo a una velocità inferiore ai 30 km/h, e gli accaniti suonatori di clacson, che esortano la squadra avversaria a premere sull’acceleratore e non creare ingorghi. Preoccupati anche i tassisti, che temono di perdere parecchi clienti considerato che una corsa che fino ad agosto durava circa 20 minuti, oggi supera abbondantemente la mezz’ora.

Leggi anche: Tutto quello che devi sapere per guidare all’estero con la tua auto

A divertirsi sono solo i pedoni o, per essere più precisi, i corridori, che si divertono a far scattare gli autovelox sfrecciandogli di fronte con scatti che superano di gran lunga i limiti imposti – guardare il video per credere.

FOLLOW US

Per rimanere sempre aggiornato seguici sul canale Telegram ufficiale e Google News. Iscriviti alla nostra Newsletter per non perderti le ultime novità di Fleet Magazine.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia