23 Settembre 2012

Il B2B di Peugeot e Citroën ha una squadra tutta nuova

Al primo piano della sede milanese di PSA, l’attività è quasi frenetica: fin dal mattino presto, il grande open space allestito lo scorso aprile si anima con lunghe telefonate, riunioni, scambi di informazioni e opinioni. 
È questo il cuore pulsante dell’offerta di Peugeot e Citroën per le flotte. Qui, infatti, lavora il nuovo team di PSA dedicato alle aziende. Una squadra che unisce il know how dei due marchi e che, come sottolinea il Direttore vendite B2B del Gruppo, Angelo Simone, ha le idee chiare in vista del futuro.

L’UNIONE FA LA FORZA – “In un momento particolarmente delicato per il mercato B2B – sottolinea Simone – , che ha conosciuto un calo del 25% sullo stesso periodo del 2011, il Gruppo PSA ha invece registrato un aumento della propria quota di mercato rispetto all’anno scorso: un risultato che va oltre le aspettative e che ha addirittura superato, per entrambi i marchi, gli obiettivi fissati a inizio anno. Di certo, la rinnovata direzione B2B sta portando nuova efficienza in termini di bilanciamento degli obiettivi e dei conseguenti risultati commerciali e, forte della visione completa di cui dispone, affronta scelte di mercato che aiutano a far sì che i due brand non si cannibalizzino”.
 Le ragioni del successo sono molteplici. “Il fatto di avere unito i marchi – prosegue Simone – ci porta a studiare il mercato e a far fronte alle strategie commerciali dei concorrenti disponendo – per la prima volta – di due ‘bocche da fuoco’ con il comune intento di vincere. Senza dimenticare le identità dei brand, che rimangono ben distinte e che, agli occhi dei clienti, così devono apparire. È importante, in altre parole, il ‘feeling’ che le auto Peugeot e Citroën rappresentano e continueranno a rappresentare: due diverse personalità, entrambe dai tratti forti e immediatamente riconoscibili. Avere a disposizione una gamma completa, tecnologicamente avanzata, attenta all’ambiente e alle esigenze dei clienti diventa il fattore chiave, che ci consente di performare al meglio sul mercato. Inoltre, lavorare al fianco delle aziende non come semplice fornitore di vetture ma come un vero e proprio partner nelle soluzioni di mobilità, rimane fondamentale per raggiungere gli obiettivi”.

LA NUOVA ORGANIZZAZIONE – Tante sono le figure che lavorano all’interno del team PSA. Il nuovo assetto organizzativo della direzione, che con una struttura snella, veloce e ricettiva porta agli occhi dei clienti un’inedita ‘way of mind’, gioca un ruolo determinante – spiega ancora Simone – . In particolare, le figure principali sono un Responsabile business operation, un Responsabile noleggio a lungo termine e Key account manager, che guida la squadra dei sette Key account manager dettando le strategie dei due marchi nei confronti dei grandi clienti, animando accordi commerciali con gli stessi e con le società di Nlt e condividendo sconti e valori residui, un Responsabile animazione noleggio a lungo termine e sviluppo veicoli elettrici, che guida le strategie di marketing dedicate ai noleggiatori a lungo termine e ai clienti e sviluppa gli assetti organizzativi dei due marchi nella commercializzazione dei veicoli elettrici. E, ancora, un Responsabile veicoli commerciali e leasing dipendenti, che coadiuva i brand nelle scelte strategiche e nelle politiche commerciali sui veicoli commerciali leggeri, supportando i piani d’azione che si esprimono attraverso le vendite delle due reti, e un Responsabile Rent a car e Peugeot- Citroën Renting, che ha la responsabilità dei clienti del Rac e sviluppa insieme a Banque PSA le vendite della società captive di Nlt delle due marche, sia con attività diretta, sia attraverso le reti dei concessionari. Infine, un Responsabile remarketing veicoli d’occasione, che guida e decide le strategie nella vendita dei veicoli d’occasione, supportando le reti con politiche commerciali precise e animando gli organi di quotazione attraverso una policy di condivisione dei valori residui, fondamentale per posizionare al meglio le auto di Peugeot e Citroën sul mercato dell’usato”.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia