Quanto costa muoversi a Venezia?

Dai traghetti alla celebre Gondola, passando per il Vaporetto ecco le tariffe della complessa ma affascinante mobilità veneziana

Venezia è la città in Italia con la mobilità più complessa, proprio per via della sua natura di città che nasce sull’acqua: per questo, ci si sposta solo con imbarcazioni. Ecco quanto costa muoversi a Venezia.

L’unica parte del comune dove ci si muove “normalmente” è Mestre, che oggi rappresenta la realtà più popolosa, residenziale e industriale della Serenissima, pur rimanendo una realtà a parte, con una sua identità.

Quel che è certo, è che a Venezia più che altrove non ci si muove agilmente in auto: non solo perché il centro è inaccessibile a questi mezzi, ma anche perché i parcheggi di Mestre e delle altre realtà “di terra” del Comune sono molto costosi, specie se si ha intenzione di rimanere nella città per molto: si parla di circa 3 euro l’ora, che aumentano col passare del tempo.

È possibile arrivare direttamente al Lido di Venezia, usando la linea ferry-boat 17 dell’ATCV che parte dal Tronchetto, con costi che variano dalla lunghezza dell’auto: da un minimo di 10 a un massimo di 20 euro, a cui aggiungere il costo del biglieetto dei passeggeri.

Per questo, quindi, il modo migliore per muoversi a Venezia è girare a piedi: anche la bicicletta, in questo caso, non è molto consigliata, in quanto vicoli e strade possono essere molto stretti, in contrasto all’alto numero di turisti. Tuttavia, non mancano soluzioni di trasporto pubblico per chi avesse urgenze o necessità di spostarsi più velocemente.

Leggi Anche: Digitalizzazione ed energia rinnnovabile per l’Italia di domani.

QUANTO COSTA MUOVERSI A MILANO? LE DIVERSE SOLUZIONI

Muoversi con i Vaporetti e con i Traghetti

Una visita a Venezia non può non comprendere un giro sul vaporetto, le cui linee collegano tutti i punti della città. I biglietti si possono comprare presso i rivenditori in giro per la Serenissima, o anche sull’imbarcazione pagando un sovrapprezzo. Le tariffe sono diverse, ma è facile trovare quella più conveniente per le proprie esigenze.

I vaporetti sono gestiti dall’ATCV, la società che si occupa dei trasporti pubblici di tutto il comune, Mestre compresa. Da turisti, le linee che interessano sono quelle note come “Centro Città”, ovvero la 1 e la 2 che passano nel Canal Grande e nel Canale della Giudecca, e sono quelli che collegano il Tronchetto, Piazzale Roma (dove si lascia l’auto) e la Stazione di Santa Lucia con la parte dei monumenti e dei musei.

Le tariffe sono:

  • 7,50 euro per il biglietto semplice valido 75 minuti;
  • 20,00 euro per il giornaliero, valido su tutti i vaporetti e bus della Città di Venezia;
  • 30,00 euro per il 48 ore;
  • 40,00 euro per il 73 ore;
  • 60,00 euro per il settimanale.

Oltre al Vaporetto, a Venezia è presente il traghetto, una sorta di “Taxi” collettivo che attraversa il Canal Grande portando le persone da una sponda all’altra senza dover raggiungere il ponte più vicino. Questi traghetti, come dai veneziani sono chiamati, sono delle gondole su cui si sta in piedi, il cui costo è di 2 euro.

È il mezzo più usato dai veneziani, e il turista lo può provare per vivere un momento da vero veneziano. Questi i punti di partenza con gli orari:

  • Santa Sofia, 7.30-20-00 (feriale); 8.45-19.00 (festivo);
  • San Marcuola 9.00-13.00;
  • Carbon 8.00-13.00;
  • San Tomà, 7.30-20.00 (feriale); 8.30-19-30 (festivo);
  • San Barnaba, 8.30-13.30;
  • Santa Maria del Giglio, 9.00-18.00;

Leggi Anche: La mobilità del futuro secondo i GenZ.

La Venezia Unica

Per i turisti, l’amministrazione di Venezia ha sviluppato la “Venezia Unica”: una sola card che include, su scelta della persona, biglietti carnet per musei e trasporto pubblico, togliendo quindi l’ingombro di tutte le altre carte, e spesso anche le file.

Il costo, si sarà capito, è molto variabile, e dipende fondamentalmente dalla quantità di biglietti che si acquistano, e dalle attrazioni che si vogliono visitare.

Leggi Anche: È arrivato Mobi Mag, il TG della mobilità

Muoversi con i “Taxi d’acqua”

Chi dovesse avere l‘esigenza di muoversi in fretta sulle acque della laguna, può sempre scegliere il taxi, che a differenza delle altre città non è su ruote ma su imbarcazione.

Lo si riconosce perché è una barca con un numero di licenza ben visibile su una banda gialla, posta ad altezza finestrino. Questa è la soluzione più veloce, ma anche quella più costosa: si parte, infatti, da 60,00 euro.

Leggi Anche: Trasformare l’auto in camper è facile con questi modelli

Il giro in gondola

Il sogno di milioni di visitatori è il giro in gondola, tanto affascinante, perché il mezzo con cui assaporare il gusto romantico della città e vedere da vicino i suoi canali, ma decisamente costoso.

La cifra si può contrattare con il gondoliere, ma solitamente non si scende sotto gli 80 euro per mezz’ora.

FOLLOW US

Per rimanere sempre aggiornato sulle novità di Fleet Magazine seguici sui nostri canali social. Siamo su Facebook, Linkedin, Instagram e Google News. Iscriviti al canale Youtube ufficiale e non perderti tutti i Test Drive e gli altri video della nostra redazione.

Leggi anche
Consigliati per te
Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia