L’ibrido plug-in esordisce sulla nuova Range Rover Sport 2018

Per ammirare nelle concessionarie italiane il facelift della nuova Range Rover Sport 2018 occorrerà attendere l’inizio del prossimo anno, quando il Suv premium firmato dal marchio britannico Land Rover arriverà nel nostro Paese, forte anche di una inedita soluzione per quanto attiene alla gamma motori. L’ibrido diventa infatti ricaricabile (“plug-in”).

La nuova Range Rover Sport 2018 Plug-in Hybrid

Il propulsore duemila a benzina più potente di sempre sviluppato dal Gruppo di proprietà degli indiani di Tata Motors (a cui appartiene anche Jaguar), ossia il 4 cilindri Ingenium da 300 cavalli, si combinerà, in quello che è stato ribattezzato “P400e”, con un motore elettrico da 104 Cv, in grado di sviluppare una potenza di 13,1 kWh.

Range Rover Sport Plug-in Hybrid sfrutterà un powertrain da 404 Cv, con640 Nm di coppia massima. Si tratta di ben 50 Cv in più rispetto alla variante ibrida dello Sport Utility Vehicle britannico già in commercio da un paio d’anni. Lì però il propulsore elettrico è accoppiato con un V6 turbodiesel estremamente performance (riesce infatti a ricreare le condizioni offerte da un otto cilindri a benzina, pur livellando verso il basso i consumi).

Leggi anche: I modelli portati dal marchio Land Rover all’ultimo Salone di Francoforte

NUOVA RANGE ROVER SPORT 2018: ORA ANCHE PHEV

L’ibrida ricaricabile (altrimenti identificabile con PHEV – Plug-in Hybrid Electric Vehicle) del brand Land Rover, dall’aspetto decisamente dinamico, riesce a percorrere sino a 51 chilometri in modalità 100% elettrica.

Leggi anche: La gamma IONIQ di Hyundai ora completa grazie alla versione Plug-in

Per ricaricare alla presa le batterie sono necessarie 7 e 30 minuti (riducibili a 2 ore e 45 minuti se si dispone di una wall box 32A). Lo stato di avanzamento dell’operazione può essere controllato sul proprio smartphone, aprendo l’App dedicata.

 

La nuova Range Rover Sport Sport 2018 nella variante Plug-in Hybrid sarà commercializzata a partire da 71mila euro. Copre l’accelerazione 0-100 km in 6,7 secondi, mentre la velocità massima dichiarata è di 220 km/h.

Le emissioni inquinanti accertate grazie al ciclo NEDC sono di 64 gCO2/km, con consumi di carburante pari a 2,8 l/100 km.

LA TECNOLOGIA A BORDO DEL SUV PREMIUM BRITANNICO

Due le modalità di guida consentite: ibrida parallela, che chiama in causa entrambi i propulsori e ne consente un utilizzo efficiente, selezionando una delle funzioni di gestione disponibili, a scelta tra “Save” (controlla che la carica delle batterie rimanga al di sopra di un valore minimo prefissato) o “Peo” (acronimo che sta per “Predicative Energy Optimisation”), dove sono le condizioni precipue del percorso tracciato attraverso il navigatore a suggerire il ricorso all’uno piuttosto che all’altro dei motori; oppure EV (Electric Vehicle).

Leggi anche: L’ibrido Plug-in di Toyota protagonista al Fleet Motor Day 2017

A livello di trazione, la presenza del sistema “Terrain Response 2” di Land Rover garantisce un controllo ottimale sui due assi anche in situazione di off-road e a velocità ridotta.

Gli interni della nuova Range Rover Sport 2018 Plug-in Hybrid

Uno sguardo veloce all’abitacolo del Suv premium britannico rileva la presenza di tre schermi. Al Touch Pro Duo, dotato di un doppio display da 10″, si aggiunge infatti un quadro strumenti interamente digitale (LCD da 12″). L’infotainment è affidato all’impianto audio firmato Meridian, proposto nelle varianti da 380, 825 e 1.700 Watt, con un massimo di 22 altoparlanti.

Anche la tecnologia dei comandi gestuali sarà disponibile a bordo della nuova Range Rover Sport 2018 Plug-in Hybrid, che è stata progettata nel Regno Unito e sempre lì verrà prodotta (stabilimento di Solihull). Basta infatti muovere una mano per comandare l’apertura e la chiusura della tendina del tetto panoramico.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia