Rc Auto, in Italia sono 2,8 milioni i veicoli senza assicurazione

In Italia 2,8 milioni di veicoli viaggiano sulle strade senza Rc Auto. Si tratta del 6,3% del totale del parco circolante. Il dato, relativo al 2017, però, è in calo rispetto al 2016, quando i veicoli senza copertura assicurativa erano 2,9 milioni (il 6,7% del totale).

Rc Auto obbligatoria art 193 del codice della strada

Oltre alla diminuzione dei veicoli senza Rc Auto, aumentano dello 0,5% i sinistri denunciati alle compagnie assicurative nel corso del 2017, pari a 2.857.883 (nel 2016 erano quasi 2.844.383).

Approfondisci: assicurazione auto, ecco cosa cambierà nelle polizze

AUTO SENZA ASSICURAZIONE

Il dato del 6,3% di veicoli senza assicurazione è stato elaborato dall’Ania (Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici) sulla base dei dati della Motorizzazione Civile. Bisogna, però, fare una distinzione a livello territoriale. Ci sono infatti differenze significative a livello regionale, per quanto riguarda i veicoli non assicurati. Rispetto alla media nazionale del 6,3%, la percentuale supera il 10% al Sud Italia, si attesta pressoché nella media nelle regioni centrali ed è più bassa (4,1%) nel Nord Italia.

Analizzando il fenomeno dei veicoli senza Rc Auto più nel dettaglio, a livello territoriale si può rilevare che nel Nord Italia quasi tutte le regioni e i relativi capoluoghi mostrano un’incidenza di veicoli non assicurati simile e al di sotto della media nazionale (6,3%).

Al Centro sono soprattutto il Lazio e la città di Roma che evidenziano un’incidenza molto alta di veicoli non assicurati (rispettivamente 9,0% e 9,8%). Al Sud, invece, si passa da valori poco superiori alla media nazionale in Basilicata, Molise e Sardegna, fino ad arrivare alla Calabria e, soprattutto, alla Campania dove l’incidenza di veicoli senza Rc Auto è pari a più del doppio di quella media: a Napoli un veicolo su sei circola senza assicurazione, mentre a Reggio Calabria uno su sette.

Leggi anche: gli aumenti 2018 delle assicurazioni

RC AUTO, LE FRODI ASSICURATIVE

Nel 2017 il premio medio delle polizze Rc Auto è sceso del 5% (leggi di più qui). La lotta alle frodi rappresenta una variabile fondamentale per il calo dei premi delle polizze assicurative.

polizze assicurazione Rc auto

A riguardo, l’Ania evidenzia che l’incidenza media, a livello nazionale, dei sinistri esposti al rischio di frode sul totale del campione di incidenti denunciati nel 2017, dopo tre anni di continua crescita (dal 2014 al 2016) è tornata, seppur lievemente, a diminuire, attestandosi sul 22,4% (era il 23,5% nel 2016, il 21,4% nel 2015 e il 19,3% nel 2014). Tra i motivi di questa flessione, c’è sicuramente la diffusione sempre più ampia di strumenti telematici come le scatole nere, che limitano le possibilità di frode da parte degli assicurati.

A livello territoriale, il Nord si conferma l’area con meno sinistri a rischio di frode, con una percentuale in calo dal 19,5% del 2016 al 18,2%. A seguire, il Centro con un’incidenza in flessione dal 22,2% al 21%. Anche nel 2017, l’Italia meridionale registra la percentuale più alta: quasi il 35% dei sinistri denunciati è risultato sospetto (il dato comunque è in lieve diminuzione rispetto al 35,4% del 2016).

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia