I progetti per le flotte di Renault nel 2019

Nel 2019 Renault punterà sulla sua Gamma Business. In particolare sulla Clio, su Kadjar per quanto riguarda il segmento dei crossover, sul nuovo Captur e sull'elettrico, anche nei veicoli commerciali.

Che il 2018 sia stato un anno difficile per le Case costruttrici, soprattutto a causa dell’ingresso del nuovo ciclo Wltp, non è un mistero. Ce lo ha confermato anche Fabio Cianca, Rental Sales Manager di Renault Italia, tracciando un bilancio dell’anno appena passato. Per il futuro, però, ci sono grossi piani per conquistare le car policy.

IL BILANCIO DEL 2018

Il 2018 è stato un anno complicato a seguito di eventi che hanno disturbato l’attività: la fine dell’immatricolazione della gamma Ndec e l’introduzione del Wltp. Si è quindi arrivati al 31 agosto con grande numero di immatricolazioni e  un notevole cambiamento della Gamma Renault. In questo contesto, Fabio Cianca sottolinea come comunque il bilancio sia positivo: “In un mercato auto che cala del 3%, Renault ha una quota attorno al 9.8 e chiude con 210mila vetture vendute, 5mila in meno rispetto al 2017 che aveva segnato il nostro record storico”.

IL NOLEGGIO

Renault Mégane SporterPer quanto riguarda il Noleggio a lungo termine, se il mercato cresce del 2%, Renault cresce di 5 punti percentuali (4° posto nel ranking Nlt) e Dacia di 25, sebbene si tratti ancora di piccoli numeri. La Gamma Business è presente su tutti i prodotti, eccetto Twingo e 2/3 degli ordini sono sulla Gamma Business. Mégane Sporter è entrata con decisione nelle car policy e Renault Clio è il prodotto straniero più venduto in Italia, anche sul noleggio per quanto riguarda le vetture operative. Per quanto riguarda l’elettrico, per Zoe è stato un anno di grande risveglio e ha triplicati i volumi con quasi mille ordini.

Guarda anche: la nostra prova della Mégane Sporter Business

OBIETTIVI FLOTTE 2019

L’obiettivo dichiarato di Renault è di crescere sui volumi del Noleggio a lungo termine attorno al 10-15 %, ben sapendo che in questo settore fanno meglio i prodotti più maturi che quelli nuovi. Spiega Fabio Cianca: “Il 2019 continuerà a essere ottimo per la Clio attuale, oltre che di lancio per la nuova versione. Ma soprattutto dovrà essere l’anno del lancio del Kadjar sul mercato del crossover, anche se la concorrenza mette ottimi prodotti sul piatto. A fine anno arriverà il nuovo Captur e ricordiamo anche la gamma dei veicoli commerciali, forse la più completa su mercato, cn anche gli elettrici Kangoo e Master full electric”.dotazioni nuovo Renault Kadjar

Leggi anche: L’avanzata dei Suv, l’unico segmento auto in crescita

IL FUTURO DELLA MOBILITÀ

Come cambierà la mobilità nel medio termine? Renault si è già espressa con il suo piano Drive the future 2022: la mobilità sarà elettrica, connessa e condivisa. “Per quanto riguarda la condivisione, abbiamo iniziato numerosi progetti di car sharing, di cui l’ultimo su Bologna con 240 Zoe”, commenta Fabio Cianca.

Leggi anche: Corrente, il nuovo car sharing elettrico a Bologna

Per quanto riguarda le motorizzazioni: “A medio termine il diesel scenderà, ma dico a tutti i Fleet Manager di stare attenti: non si può dare l’ibrido a chi fa 40mila km all’anno, sarebbe una follia. Detto che anche noi ci arriveremo: avremo 8 nuovi prodotti full electric e arriveremo nel 2020 con grandi novità sull’ibrido. Quindi vediamo un mercato con più benzina e meno diesel, che è stato ingiustamente demonizzato. Attenzione però a mettere troppo poco diesel in car policy”.

Tag

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia