Renault Twizy: sempre più protagonista del car sharing

Che la Twizy abbia un’innata vocazione per il car sharing lo dimostra l’esempio di Bee, servizio di auto in condivisione sviluppato a Napoli grazie alla collaborazione tra Renault e NeaHelioPolis (NHP), che vede protagonista proprio il veicolo elettrico della Casa. In Francia, però, Twizy sta mostrando ancora di più le sue potenzialità in questo ambito: la vettura, infatti, è al centro del progetto “Twizy Way by Renault”, innovativa iniziativa di car sharing promossa dal Costruttore transalpino nei dintorni di Parigi.

ESPERIMENTO RIUSCITO – Il servizio, presentato ufficialmente alla stampa mercoledì 22 maggio nella capitale francese, ha trovato nei mesi scorsi la sua prima applicazione concreta nella zona di Saint-Quentin-en-Yvelines, a pochi chilometri da Parigi, dove 50 Twizy sono a disposizione degli utenti, che, previo pagamento della tassa di iscrizione di 15 euro e la successiva ricezione di un’apposita tessera magnetica, possono utilizzarle per i loro spostamenti. Rispetto a un car sharing tradizionale (leggi l’approfondimento sul rapporto tra questa formula e FGA), l’utente può prelevare la vettura in qualsiasi punto di trovi – la localizzazione delle Twizy “libere” può essere effettuata tramite internet o un’applicazione Smartphone – e riconsegnarla dove preferisce, anche sotto casa. Il coordinamento del servizio avviene grazie a un Service Point, che permette ai clienti di ottenere informazioni, sottoscrivere l’abbonamento e ritirare la propria tessera magnetica. Costi: 0,29 euro al minuto o 11,90 euro per un’ora consecutiva. Ad alcuni mesi di distanza dal lancio dell’iniziativa, gli abbonati sono oltre 700: dimostrazione che l’auto in condivisione si candida a diventare il futuro della mobilità.

ANCHE PER LE AZIENDE – Il servizio “Twizy Way by Renault” è stato sperimentato anche in ambito “corporate”: 20 Twizy, infatti, nei mesi scorsi sono state messe a disposizione del CEA (Commissariato per l’energia atomica e le energie alternative) di Grenoble con la stessa formula. E oggi sono già 150 i dipendenti che le utilizzano per spostarsi nella zona. Il car sharing, abbinato al veicolo elettrico, dunque, in prospettiva, è una soluzione concreta anche per gli spostamenti aziendali.

Tag

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia