Ricarica auto elettriche, un "pieno" in meno di 15 minuti
 

Ricarica delle auto elettriche: 500 km in 15 minuti con l’Ultra Fast Charger di Nidec ASI


Ricarica delle auto elettriche: i tempi si accorciano con l’innovativo Ultra Fast Charger di Nidec ASI, multinazionale del settore Industrial Solutions del Gruppo Nidec, nata nel 2012 dopo l’acquisizione dell’Ansaldo Sistemi Industriali. Il nuovo sistema per la ricarica delle auto elettriche permetterà di ripristinare l’80% dell’autonomia in meno di 15 minuti, assicurando ai veicoli fino a 500 km di percorrenza.

Ricarica auto elettriche

Le prime installazioni dell’Ultra Fast Charger di Nidec, concepito per la ricarica rapida delle auto elettriche di nuova generazione (come la Porsche Mission E), sono previste il prossimo anno.

Approfondisci: La partita per la ricarica rapida delle auto elettriche

RICARICA AUTO ELETTRICHE

COME FUNZIONA L’ULTA FAST CHARGER DI NIDEC ASI PER LA RICARICA DELLE AUTO ELETTRICHE

L’Ultra Fast Charger rappresenta un’innovativa soluzione che ha un’alta capacità di ricarica dei veicoli e, allo stesso tempo, è capace di mantenere un flusso costante nella rete elettrica, riducendo i rischi di black out che si potranno generare in futuro con una maggiore diffusione delle auto elettriche (leggi qui l’analisi sui valori residui).

Ricarica auto elettriche Ultra Fast Charger Nidec ASI colonnine

Il nuovo sistema Ultra Fast Charger fa da “cuscinetto” tra la rete elettrica e la colonnina di ricarica, integrando delle batterie di accumulo da 160 kWh. È questo il segreto dell’impianto. Così, a fronte di un fabbisogno energetico di soli 50 kW, l’Ultra Fast Charger fornisce al veicolo una potenza di 320 kW.

Ciò permette di accelerare notevolmente i tempi di ricarica delle auto elettriche, assicurando fino a 500 km di autonomia in meno di un quarto d’ora (nel caso delle batterie di nuova generazione, a 800 Volt). Il sistema, inoltre, consente di ricaricare due veicoli in parallelo (in questo caso la potenza fornita si dimezza, da 320 a 160 kW) o tre in serie.

Leggi anche: ZapGrid, come funziona l’app per la ricarica delle auto elettriche

LE SOLUZIONI PER LA RICARICA DELLE AUTO ELETTRICHE

L’avanzato sistema Ultra Fast Charger di Nidec ASI (scopri di più sull’azienda) collegherà la rete nazionale con le colonnine, velocizzando il processo di ricarica delle auto elettriche, senza gravare troppo sulle infrastrutture locali, per quanto riguarda il proprio fabbisogno energetico (limitandosi ad assorbire 50 kW).

La soluzione contribuirà a incentivare pure la diffusione dei veicoli elettrici, in quanto sarà in grado di rispondere all’eventuale aumento della richiesta di energia necessaria ad alimentare le colonnine di ricarica (nel momento in cui circolerà un numero maggiore di auto elettriche) e all’esigenza di mantenere la massima stabilità della rete elettrica. Inoltre, il nuovo sistema è studiato per essere alimentato sia dalla rete elettrica sia da fonti rinnovabili, come l’energia solare, e possono anche essere bidirezionali, cioè consentire di ricaricare non solo le auto elettriche, ma anche la rete (Vehicle-to-Grid – V2G).

Oltre agli Ultra Fast Charger, l’offerta di Nidec ASI prevede altre soluzioni. Per esempio, le stazioni di ricarica a bassa tensione con batterie centralizzate, che permettono la ricarica (all’80%) di 12 veicoli in un’ora. Ma ci sono anche le stazioni di ricarica a media tensione, eventualmente senza batterie di accumulo, più adatte alle esigenze delle flotte aziendali poiché possono essere utilizzate per erogare maggiore potenza e ricaricare contemporaneamente molte auto elettriche (oltre 12 veicoli in un’ora).

L’azienda, quindi, è impegnata in prima linea nell’ elettromobilità: oltre alla ricarica rapida delle auto elettriche di nuova generazione (a 800 Volt), ha siglato una joint venture con il Gruppo PSA, per la produzione di 900.000 motori elettrici all’anno, a partire dal 2020, con un investimento di 200 milioni di euro. Unità destinate ai futuri modelli Citroën, DS, Opel e Peugeot.

Leggi anche: Conviene acquistare un’auto elettrica usata?

Related Posts

Scrivi un commento

La tua casella di posta non verrà pubblicata.

*