Come ricaricare l’auto elettrica in azienda? Risponde Volkswagen con un manuale

Volkswagen ha realizzato un compendio, dal titolo “Electric charging for fleets”, che spiega come realizzare una infrastruttura di ricarica elettrica in azienda, affrontando questioni tecniche, operative e legali.

Come costruire una infrastruttura di ricarica elettrica nelle aziende? È una domanda che si pongono i Fleet Manager che pensano di inserire veicoli elettrici o ibridi plug-in nella loro flotta.Ricarica elettrica per flotte aziendali

Il Gruppo Volkswagen in collaborazione con The Mobility House (piattaforma tecnologica nata nel 2009 che mette in comunicazione i settori automotive e dell’energia) ha provato a dare una risposta. Il risultato è un compendio dal titolo “Electric charging for fleets”, pubblicato sul sito flotte di Volkswagen, gratuito e in inglese (qui per scaricarlo online).

Oltre a materiale tecnico, cavi e disposizione delle stazioni di ricarica, il manuale di Volkswagen include questioni come i costi di gestione, di costruzione e di installazione e, infine, i permessi di costruzione.

LA RICARICA IN AZIENDA

Il manuale messo a punto da Volkswagen comincia rispondendo ad alcune domande base sulla mobilità elettrica: Quali sono i costi di gestione di un’auto elettrica? L’autonomia sarà sufficiente? Dove si può ricaricare?  La questione diventa più specifica nel capitolo dedicato all’ecosistema di ricarica, dove vengono illustrati i diversi modi per ricaricare.modi di ricaricare il veicolo elettrico

I COSTI DELLA INFRASTRUTTURA DI RICARICA

Volkswagen dà anche una indicazione dei costi a seconda della tipologia scelta:

  • wallbox: da 200 a 2.000 euro per l’istallazione, da 300 a 1.500 euro per la parte hardware. Da 0 a 350 euro di costi operativi all’anno
  • stazione di ricarica: da 1.500 a 3.000 euro per l’istallazione, da 3.000 a 8.000 euro per la parte hardware. Da 0 a 600 euro di costi operativi all’anno
  • stazione di ricarica rapida: da 16.000 a 40.000 euro per l’istallazione, da 20.000 a 75.000 euro per la parte hardware. Da 900 a 2.000 euro di costi operativi all’anno

Il manuale spiega come sia possibile ricaricare nella sede aziendale, a casa del dipendente (con un wallbox che può essere finanziato dall’azienda), nelle stazioni di ricarica pubblica. I diversi tipi di ricarica (e di fatturazione) possono cambiare a seconda dell’evoluzione della flotta elettrica, a seconda che si stiano introducendo i primi modelli o che ci sia già un parco corposo di auto elettriche.

UN USO PRATICO

“Molti attori del mercato al momento parlano solo dei pro e dei contro della mobilità elettrica. Con il nostro compendio, facciamo un passo ulteriore e supportiamo chi prende decisioni e vuole portare fatti concreti all’interno della propria azienda”
Armin Villinger, Direttore di Volkswagen Group Fleet International

Il compendio è corredato da un esempio pratico di realizzazione di una infrastruttura di ricarica in un parcheggio aziendale di 200 posti, con 22 postazioni di ricarica, con un investimento iniziale di 105.000 euro e 250 euro di costi operativi mensili. Un comodo glossario completa il tutto.

Leggi anche: La case history dell’azienda siciliana che ha scelto una flotta 100% elettrica

Il settore della mobilità elettrica è in evoluzione, in particolare sotto l’aspetto legale, quindi è ancora più importante avere un parere esperto per evitare errori di pianificazione e decisioni sbagliate fin dal principio. In aggiunta, nessuno dovrebbe perdere la possibilità di ottenere potenziali fondi pubblici per mancanza delle informazioni necessarie.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia