Volkswagen presenta il caricabatteria mobile per l’auto elettrica

Il robot Volkswagen trova da solo l’auto elettrica parcheggiata da ricaricare, poi torna alla sua base. Tutto in modo completamente autonomo. Non si sa ancora quando il concept arriverà sul mercato.

Le auto elettriche necessitano delle giuste infrastrutture di ricarica: il robot caricabatteria di Volkswagen potrebbe ridurre notevolmente questi costi.

Il concept è progettato per spostarsi autonomamente, portando la ricarica presso l’auto parcheggiata. Concepito per i grandi parcheggi (aeroporti, centri commerciali, parcheggi di interscambio) rende possibile la ricarica senza dovere montare decine di colonnine.

COME FUNZIONA

Il proprietario dell’auto elettrica può ordinare la ricarica utilizzando un’app o il sistema di infotainment di bordo della propria auto. Il concept entra in azione una volta che il proprietario ha parcheggiato l’auto e se ne è andato.

Leggi anche: ZapGrid, come funziona l’app per la ricarica delle auto elettriche

Il robot, dotato di scanner a ultrasuoni, laser e telecamere per navigare nel parcheggio, è in grado di portare la batteria e collegarla alla presa della ricarica. Successivamente si allontana per proseguire il suo lavoro con altre auto e – conclusa la ricarica – torna, scollega il cavo e mette in carica la batteria (ogni robot ne può portare diverse con sé). Il proprietario viene informato tramite l’app che la sua auto è stata caricata.

Si prevede che ciascun vagone batteria abbia una capacità di circa 25kWh. I robot caricabatteria possono caricare un’auto elettrica fino a 50 kW utilizzando la ricarica rapida CC.

RICARICA DIFFUSA

In questo modo non servono più infrastrutture complesse per realizzare punti di ricarica elettrica e ogni parcheggio può diventare un punto per ricaricare.

“Il robot di ricarica mobile farà scattare una rivoluzione quando si tratta di caricare in diversi parcheggi, come parcheggi multipiano, parcheggi e auto sotterranee parcheggi, perché portiamo l’infrastruttura di ricarica all’auto e non viceversa. Questo approccio ha un enorme potenziale economico. I lavori di costruzione, nonché i costi per l’assemblaggio dell’infrastruttura di ricarica possono essere ridotti considerevolmente mediante l’uso di robot caricabatteria”
Mark Moller, responsabile dello sviluppo di Volkswagen Group Component

Si tratta di un prototipo visionario, che dovrebbe essere trasformato in realtà abbastanza rapidamente, anche se la Volkswagen non ha ancora indicato una data possibile per l’introduzione sul mercato del concept di robot caricabatteria.

L’IMPEGNO DI VOLKSWAGEN

La Casa di Wolfsburg è impegnata al massimo nella mobilità elettrica, tanto da avere avviato “in casa” la produzione delle batterie per l’auto elettrica. A questo si aggiunge il massimo sforzo per potenziare le infrastrutture: l’obiettivo di Volkswagen entro il 2025 è installare 36 mila postazioni in tutta Europa.

Leggi anche: Il piano di sviluppo delle postazioni di ricarica di Volkswagen

Undicimila postazioni verranno installate in siti produttivi Volkswagen, tutti quelli sul territorio tedesco, oltre che in corrispondenza delle concessionarie europee nelle principali città. Gli investimenti sull’infrastruttura di ricarica valgono 250 milioni di euro.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia