14 Gennaio 2014

Salone di Detroit: premium e crossover protagonisti

Cinquanta anteprime mondiali e 700 mila visitatori attesi: bastano pochi numeri per definire la portata del Salone di Detroit, motor show americano per eccellenza, che ha aperto i battenti ufficialmente ieri e si concluderà il prossimo 27 gennaio.  Tante le “word prémiere” in programma, altrettanto numerosi i prototipi in mostra: protagonisti assoluti, in particolare, saranno i crossover, che si dimostrano ancora una volta la categoria rivelazione del mercato, in grado di conquistare tanto i privati, quanto le flotte.

PREMIUM IN PRIMO PIANO – Tra gli stand del Salone di Detroit, il premium occupa un posto di rilievo. Gli esempi più lampanti arrivano dalle Case tedesche: Mercedes, ad esempio, ha scelto gli Usa come palcoscenico per la presentazione ufficiale della nuova Classe C che, forte di una struttura più leggera di ben 100 kg rispetto al passato, riesce ad abbinare l’eleganza all’efficienza. Non a caso, il motore della versione 220 BlueTec consumerà solamente 4 litri di gasolio ogni 100 km. La Casa della Stella, poi, espone anche il crossover  GLA 45 AMG. BMW risponde con il MY 2014 della X1, mentre Audi presenta il prototipo della allroad shooting brake, crossover versatile caratterizzato da un potente motore ibrido, spinto da due propulsori elettrici.

IL FUTURO DELLE FLOTTE (E NON SOLO) – Anteprime succulente anche per il futuro delle flotte aziendali: Volkswagen presenta il concept della nuova Passat BlueMotion, erede di una vera e propria best-seller per le aziende. Infiniti , invece, è al Salone di Detroit con la Q50 Eau Rouge, versione spinta della berlina premium che si propone di conquistare anche le aziende. Gli appassionati di auto, infine, non possono non gioire per il debutto della nuova e attesissima Ford Mustang.

FIAT-CHRYSLER – Forte dell’acquisizione totale di Chrysler, annunciata a inizio anno, il Gruppo Fiat espone a Detroit la Chrysler 200, berlina media pensata e progettata su un pianale derivato dalla Alfa Romeo Giulietta.  Che, però, con ogni probabilità, non vedremo il Europa.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia