A Ginevra Volvo cala il tris

Al Salone di Ginevra 2015 Volvo presenta tre importanti novità rivolte alle aziende. Oltre alla nuova XC90 (in arrivo a maggio), la Casa svedese lancia le Volvo S60 Cross Country e V60 Cross Country (sul mercato italiano a settembre). Tre modelli che strizzano l’occhio al comparto fleet. “Le flotte rappresentano un bacino importante per Volvo, sia piccoli imprenditori che grandi aziende – spiega Michele Crisci, presidente di Volvo Car Italia -. Con queste tre vetture vogliamo aumentare il livello di penetrazione nel settore”. Nel 2016, poi, sarà il turno della S90, V90 e V90 Cross Country.

VIDEO: INTERVISTA A MICHELE CRISCI, PRESIDENTE DI VOLVO CAR ITALIA

BEST SELLER. Intanto anche per il 2015 si continua a puntare sulla V40, V60 e XC60, che rimangono sempre il cavallo di battaglia di Volvo. I tre modelli, insieme, costituiscono l’88% delle vendite fleet totalizzate dalla Casa in Italia nel 2014. Nel dettaglio, la Volvo XC60 ha inciso per il 30%, la V60 si è aggiudicata il 35%, mentre la V40 ha ottenuto il 23%. Il restante 12% se lo dividono la V40 Cross Country (5%), la XC70 (3%), la V70 (2%), la XC90 (1%) e la S60 (1%). In totale, Volvo è riuscita a conquistare il 2,13% del mercato. Su 519.661 unità complessive commercializzate l’anno scorso nel comparto flotte, 11.059 sono marchiate Volvo (il 16% in più rispetto al 2013). Un risultato che vale il 15esimo posto nel ranking.

LA PIU’ ATTESA. La nuova Volvo XC90 si posiziona nella fascia alta del mercato, rivolgendosi a direttori commerciali, amministratori delegati, presidenti e persone di spicco in azienda. “Su un totale di 1.500 clienti, 400-500 proverranno dal mondo delle flotte e del noleggio a lungo termine, con un’incidenza del 30%”, precisa il presidente di Volvo Car Italia al Salone di Ginevra 2015. Attualmente il parco auto circolante della vecchia generazione conta 13mila unità. In produzione da fine gennaio, i primi esemplari della XC90 arriveranno a maggio (riservati alle flotte e alle vetrine dei concessionari). Quattro gli allestimenti previsti: Kinetic (10%), Momentum (70%), Inscription (15%) e R-design (5%). Prezzi a partire da 56.350 euro, ma si possono raggiungere anche gli 82.550 euro. Per quanto riguarda le motorizzazioni (tutte Euro 6 da 2.0 litri, della famiglia Drive-E), ecco la D4 diesel da 190 CV e 400 Nm, la D5 diesel da 225 CV e 470 Nm, la T5 a benzina da 254 CV e 350 Nm, la T6 a benzina da 320 CV e 400 Nm e la T8 Twin Engine ibrida (benzina/elettrico) da 400 CV e 640 Nm, con emissioni pari a 64 g/km. Tra i pacchetti, invece, si può scegliere quello Business, Business con Bowers&Wilkins, Intellisafe Pro, Luxury seat, Versatility, Vision, Winter/Winter Pro e Xenium.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia