15 Maggio 2017

Salone di Torino 2017: torna la formula “en plein air” destinata a fare scuola

Quale futuro per i Motor Show in Italia? Saranno ancora esposizioni statiche, come in passato, oppure diventeranno sempre più eventi che coinvolgeranno il pubblico e, addirittura, un’intera città? Una risposta ben precisa a questi quesiti arriva dal Salone di Torino 2017, che dal 7 all’11 giugno tornerà confermando la sua formula innovativa.

Visitatori Salone di Torino 2017

Una formula che, dati alla mano, funziona. Premesso che, a livello di budget e di popolarità, i Saloni internazionali, come Ginevra (leggi il nostro reportage sull’evento), Francoforte e Parigi, sono irraggiungibili, e che il nostro principale evento, il Motor Show di Bologna, pur avendo cercato a dicembre di innovarsi, è lontano anni luce dai fasti di un tempo, ci sono i presupposti per dire che il Salone piemontese, giunto alla terza edizione, ha fatto davvero il botto. E ha le carte in regola per “fare scuola”.

SALONE DI TORINO 2017: IL MOTOR SHOW A CIELO APERTO

Il motivo è semplice. Il Salone di Torino è il primo e unico Motor Show europeo all’aperto, che si svolge all’interno di un parco cittadino, il Parco Valentino. E’ vero, rispetto ad un’esposizione tradizionale, ci sono meno auto, ma, in compenso, le novità sono più che visibili, perchè posizionate su piattaforme dislocate per tutto il perimetro del parco. L’ingresso, per di più, è gratuito e, per la prossima edizione, sarà esteso dalle 10 alle 24 (il primo giorno si comincerà alle 14).

VIDEO: RIVIVI L’EDIZIONE DEL 2016!

In aggiunta, gli organizzatori, consci del successo ottenuto lo scorso anno, hanno cercato di coinvolgere ancora di più l’intera città nell’evento. All’interno del castello del Valentino, per fare qualche esempio, saranno infatti festeggiati in pompa magna gli anniversari di Volvo e Ferrari, mentre sabato 10 giugno, in piazza Vittorio Veneto, ci sarà una parata di vetture motorsport, supercar, prototipi e auto elettriche, denominata Gran Premio. Non solo. La cinque giorni del Salone di Torino 2017 sarà un susseguirsi di raduni e concorsi.

Inoltre, chi stamperà da internet il biglietto elettronico (gratuito) della manifestazione potrà godere di alcune convenzioni stipulate con negozi e musei torinesi e viaggiare durante i giorni della manifestazione con Trenitalia, da e per il capoluogo, a tariffe scontate. Ce ne è abbastanza per dire che la formula è sempre più rivoluzionaria. Non a caso, si prevedono all’incirca 800mila visitatori.

Approfondisci: La nostra intervista a Andrea Levy, presidente della manifestazione 

LE CASE PRESENTI

Quasi tutti i principali marchi, una cinquantina in  tutto, hanno confermato la presenza all’appuntamento: per la precisione, Abarth, Alfa Romeo,  Alpine, Aston Martin, Audi, Bentley, BMW, Cadillac, Chevrolet, Corvette, Dacia, Ferrari, Fiat, Fiat Professional, Ford, GFG Style, Honda, IED Torino, Italdesign, Jaguar, Jeep, Kia, Lamborghini, Lancia, Land Rover, Lexus, Lotus, Mazda, Mazzanti, McLaren, Mercedes-Benz, Mini, Mole Automobiles, Mopar, Noble, Pagani, Pininfarina, Porsche, Renault, Seat, Škoda, Smart, Studiotorino, Suzuki, Tesla, Touring Superleggera, Toyota, Volkswagen e Volvo.

Un numero di Costruttori, peraltro, in crescita rispetto agli anni scorsi. Ennesima dimostrazione della bontà di una formula che, nel panorama delle quattro ruote mancava. Una formula in grado di portare i nuovi modelli in mezzo alla gente, e di mostrarli a un pubblico a dir poco variegato (dagli appassionati di tuning alle mamme che passeggiano con le carrozzine al seguito) nella forma più semplice possibile. Un ritorno convinto, in altre parole, allo spettacolo popolare. Perchè, in fondo, l’auto e la sua bellezza appartengono a tutti.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia