In Sardegna incentivi record: fino al 75% sulla mobilità elettrica aziendale

Quattro milioni di euro a sostegno della mobilità elettrica in Sardegna. I finanziamenti sono rivolti alle piccole e medie imprese di alcuni settori strategici e coprono fino al 75% dei costi.

La Sardegna punta alla mobilità elettrica con un ricco piano di finanziamenti, mettendo a disposizione 4 milioni di euro. Le aziende che decidono di comprare auto o veicoli commerciali a zero emissioni potranno coprire fino al 75% dei costi d’acquisto.auto elettriche in sardegna

IL BANDO

Il Servizio Energia ed Economia verde dell’assessorato regionale dell’Industria ha approvato il bando che punta a incentivare lo sviluppo della mobilità elettrica nel territorio regionale. Questi i riferimenti: “Fondo sviluppo e coesione 2014/2020, Linea d’Azione 1.2.2 – Integrazione della mobilità elettrica con le Smart City”.

L’uso del mezzo elettrico deve essere chiaramente aziendale. L’intervento ammette la sostituzione di un veicolo a motore di proprietà dell’impresa con uno elettrico. Il mezzo deve essere nuovo di fabbrica, della stessa tipologia di quello dismesso, giustificato dall’attività svolta. Le altre condizioni sono specificate nel bando.

L’aiuto è concesso in regime “de minimis” (regola definita dall’Unione europea secondo cui gli aiuti concessi alla medesima impresa, sommati fra di loro, non devono superare il limite massimo di 200.000,00 euro in tre anni) e sovvenziona fino al 75% dei costi per un massimo di spesa variabile per ogni categoria di veicolo. La singola impresa può presentare domanda unicamente per l’acquisto di un solo veicolo elettrico.

In pratica, un’azienda  può rottamare l’auto aziendale e ricevere ben 15.000 euro di incentivo a fondo perduto, oppure rottamare un Lcv e ricevere fino a 25.000 euro per comprarne uno full electric. A questo si possono aggiungere gli incentivi statali.

Leggi anche: Gli incentivi all’elettrico previsti in Europa (e non in Italia)

I SETTORI COINVOLTI

Il bando non prevede incentivi per tutte le aziende, ma solo per i settori inclusi tra le attività strategiche del Pears (Piano Energetico Ambientale Regione Sardegna). I settori coinvolti sono quelli sui quali vuole puntare la mobilità elettrica regionale: trasporto dell’ultimo miglio, servizio taxi, car sharing, trasporto collettivo di persone e trasporto per finalità turistiche.

Approfondisci: L’ultimo miglio è il trend che spinge i veicoli commerciali

Possono ambire ai finanziamenti le piccole e medie imprese con sede operativa in Sardegna, attive da almeno cinque anni nel settore di impiego del bene da finanziare. Le domande andranno presentate dal 26 febbraio al 25 ottobre sul Sipes.

Indice dei contenuti

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia