23 Giugno 2017

Survey scatola nera e auto aziendale: l’opinione dei Fleet Manager

Quali sono le prospettive della scatola nera sull’auto aziendale? Per rispondere a questa domanda di stretta attualità, nelle settimane scorse, con il patrocinio dell’Osservatorio Top Thousand, abbiamo effettuato una survey su un campione di 60 grandi aziende, con un totale di 53.584 veicoli gestiti.

La black-box è forse il simbolo, ma non è l’unico elemento per parlare di telematica nelle flotte aziendali: ci sono anche applicazioni, portali, report e tanti dati da analizzare, interpretare, trasformare in preziose informazioni per ottimizzare la gestione. Tanto dal punto di vista dei clienti, quanto dei provider di servizi. E’ forse il tema dove è attesa la maggiore innovazione nel prossimo futuro. E nel quale le aspettative sono più elevate.  Ecco cosa è emerso dallo studio.

APPROFONDISCI: Come funziona la scatola nera

UNA SCELTA “AUTOMATICA”

La maggior parte dei Fleet manager che sperimenta il binomio “scatola nera auto aziendale” lo fa tramite i provider del noleggio a lungo termine (perchè alcuni player, dal 2016, l’hanno inserita all’interno dei loro veicoli per funzioni di controllo furti e sinistri), ma delle auto dotate di questi dispositivi non visualizzano alcun dato.

Non a caso, la maggioranza degli intervistati ha riportato che la decisione è stata del noleggiatore e si è trasferita in modo automatico alla flotta aziendale. In questo “stream”, le aziende ritengono che il numero dei veicoli dotati di telematica aumenterà. Il 50% è sicuro che ciò accadrà già nei prossimi 12 mesi.

I VANTAGGI

Quali sono poi i vantaggi della scatola nera sull’auto aziendale agli occhi dei Fleet Manager? Certamente, sulle black-box c’è grande aspettativa, perché i responsabili dei parchi auto sono consapevoli delle innumerevoli opportunità che offrono. Ciò spiega il fatto che al primo posto tra i benefit attesi ci sia una maggiore facilità di gestione della flotta.  A pari merito, c’è l’incremento della sicurezza, da sempre una priorità per i Fleet Manager.

Interessante, fra le funzionalità che i Fleet Manager vorrebbero per il futuro, il collegamento tramite black-box a servizi di sicurezza da utilizzare in caso di avarie tecniche ma anche di situazioni di pericolo per il driver (aggressioni, rapine, eventi naturali/atmosferici, eccetera).

LEGGI ANCHE: Black-box in azienda, il workshop in Fastweb

survey vantaggi scatola nera auto aziendale

LA PRIVACY

La privacy, infine, non sembra rappresentare una problematica così insormontabile nel binomio “scatola nera auto aziendale“: poiché un gran numero di black-box è “silente” – cioè non trasmette di continuo dati all’azienda ma solo al provider di servizi di flotta – i driver non vedono negativamente la presenza della telematica. Anzi, il 49% di loro ha un approccio positivo. Soprattutto in termini di vantaggi per sé stessi (in tema di sicurezza, come abbiamo già visto). Perciò le aziende, nella maggior parte dei casi, hanno potuto risolvere la questione tramite una semplice informativa interna.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia