Seat: con il noleggio si vola

Febbraio 2012 – “Abbiamo chiuso il 2011 con 18 mila unità vendute, totalizzando un +7% rispetto al 2010: un risultato positivo considerando il calo del mercato”. Louis-Carl Vignon, direttore della Seat Italia, snocciola con precisione e una buona dose di soddisfazione i numeri del marchio spagnolo, che ha ottenuto ottimi risultati grazie ai suoi modelli, tra i quali spicca Alhambra (leggi la nostra prova), che, da sola, ha totalizzato il 10% delle vendite totali del brand alle aziende.. “Abbiamo ottenuto un’importante crescita nel comparto fleet – continua -, con 3.350 unità vendute, 60% in più rispetto al 2010 al netto dei Rac. In particolare, il noleggio a lungo termine ci ha dato grande soddisfazione, con un incremento di oltre il 200% rispetto all’anno precedente”.

PRIORITA’ AI PICCOLI – Risultati, questi, che fanno ben sperare per il futuro, anche se l’impatto della congiuntura rimarrà forte. “Considerando che il mercato, stando alle previsioni, si manterrà sui livelli del 2011 – sottolinea ancora il responsabile della marca -, intendiamo continuare a crescere attraverso i nuovi prodotti, in primo luogo, la Mii, che nel nostro Paese arriverà a maggio; e per quanto riguarda il settore fleet puntiamo a mantenere la percentuale 2011 sul totale venduto, ovvero il 15%. Certamente il raggiungimento di questo risultato dipenderà dall’andamento del mercato flotte: nel 2011 il comparto è cresciuto, ma lo stesso non si può dire se si considerano solamente le vendite alle società, al netto dei km zero e dei noleggi a lungo termine. Sappiamo che, nei prossimi mesi, la crisi e le misure del Governo potrebbero avere un ulteriore impatto negativo”. In questo contesto, il mercato può trovare nelle piccole e medie imprese una risorsa importante. “Attualmente – spiega Vignon – le Pmi pesano per noi circa il 25% sul totale delle vendite flotte, una percentuale importante che rispecchia la nostra strategia: pur mantenendo come punto fermo le partnership con le società di Nlt, la conquista delle aziende medio-piccole è una nostra priorità”.


GLI ASSI NELLA MANICA – L’assalto a questa fascia di mercato parte da un presupposto fondamentale: l’appeal dei modelli. “Sul canale del Nlt – prosegue Vignon – ci sta dando grandi soddisfazioni la gamma della Ibiza, che ha saputo sfruttare al meglio l’appeal della ST. Quest’ultima si è rivelata un ottimo prodotto di conquista, grazie soprattutto al mix completo di allestimenti e all’elevato livello di equipaggiamento. Subito dietro Ibiza si posiziona Altea XL, apprezzata dagli agenti di commercio e dai tassisti per l’alta tecnologia di bordo e i consumi ridotti. Considerando che la Mii non sarà un’auto propriamente da flotta, nei prossimi mesi vorremmo continuare a consolidare la crescita attraverso le vetture fin qui menzionate, alle quali va aggiunta la Ibiza Van, una versione particolarmente adatta alle esigenze delle Pmi”. 


LE PARTNERSHIP CON IL NLT – Importante, infine, sottolineare che la Seat ha recentemente stretto un accordo con due importanti società di noleggio: quest’ultimo prevede che i clienti comuni, in caso di guasto, si rechino da un riparatore convenzionato del marchio. “I noleggiatori – sottolinea Vignon – sanno che i nostri punti di assistenza hanno un tasso di ripetitività della riparazione molto basso”.

Tag

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia