Seat prepara El Born e le ibride plug-in: da Leon alle Cupra

Nel quadro di assoluta incertezza dettato dalla pandemia di coronavirus, Seat conferma i lanci di El Born, Leon ibrida, Tarraco ibrida e le Cupra elettrificate tra 2020 e 2021

Archiviato un 2019 in positivo, per volumi di vendita e ricavi, Seat – e Cupra – hanno davanti mesi che, coronavirus permettendo, saranno di lanci sul mercato e presentazioni di nuovi modelli all’insegna dell’elettrificazione.

Seat El Born

SEAT, LE NOVITÀ ELETTRIFICATE 2020

Sui piani di commercializzazione andrà monitorato l’impatto della pandemia, che ha portato allo stop degli impianti del marchio, in un quadro diffuso di fermo dell’industria auto (leggi tutti i provvedimenti di chiusura decisi).

L’elettrificazione più attesa è quella con le forme di Seat El Born, progetto di compatta sviluppata su architettura MEB. L’elettrica resterà fedele alle soluzioni di stile presentate dal concept nel 2019, quando al Salone di Ginevra presentò una formula con batteria da 62 kWh e oltre 400 km di autonomia.

Approfondisci: Da ID.3 a El Born, il MEB di casa Seat

La produzione avverrà in Germania, a Zwickau, linea dalla quale uscirà anche Volkswagen ID.3, sul mercato attesa dopo l’estate.

Sarà il secondo modello elettrico Seat dopo la Mii, recentemente aggiornata nella capacità del pacco batterie.

SEAT LEON E TARRACO IBRIDE PLUG-IN

Diverso profilo di elettrificazione per le formule ibride plug-in, tutte già annunciate negli ultimi mesi e, adesso, destinate al lancio sul mercato entro fine 2020. Si parte da Seat Leon ibrida plug-in, per proseguire con il suv Seat Tarraco ibrido plug-in. Motore turbo benzina 1.4 litri, cambio doppia frizione 6 marce, batteria da 13 kWh e percorrenze prossime ai 60 km in elettrico. È quel che si attende arrivi su strada.

CUPRA FORMENTOR PHEV “SU MISURA”

Cupra Formentor Concept ibrida plug-in

Leon ibrida plug-in sarà anche un progetto sportivissimo nella lettura che darà Cupra (Scopri le varianti e caratteristiche). Il marchio sportivo ha realizzato un incremento delle vendite superiore al 71% nel 2019 e ha contribuito ai margini realizzati su ciascun veicolo venduto da Seat insieme all’offerta sport utility vehicle, innalzando del 4,2% il dato, a 15.050 euro per auto venduta nel 2019.

Modello inedito, perché sviluppato e disegnato appositamente per Cupra sarà il suv Formentor, un interessante progetto ibrido plug-in che completa il novero di novità elettrificate di Seat e Cupra, da commercializzare entro il 2021.

VENDITE SEAT, “PESANO” I SUV

Seat Ateca

La componente suv, nei risultati Seat, pesa per il 44% nelle vendite realizzate nello scorso anno fiscale: oltre 4 modelli su 10 Seat vendute sono una Arona, Ateca o Tarraco. L’anello intermedio, il suv compatto Ateca, da tempo è ormai su strada, muletti di un restyling che dovremmo scoprire nei prossimi mesi nelle novità che introdurrà: stilistiche, di offerta telematica e di motorizzazioni.

RISULTATI FINANZIARI E INCERTEZZE DA CORONAVIRUS

I dati più strettamente finanziari, dall’attività 2019, dicono di un utile al netto delle tasse di 346 milioni di euro, un miglioramento del risultato precedente pari al +17,5%. Ai dipendenti è stato riconosciuto un bonus economico di 1.550 euro, mentre in termini di investimenti e spesa per ricerca e sviluppo, Seat ha destinato oltre 1,25 miliardi di euro, impegno superiore al 3% sul 2018.

Delineati i progetti sul futuro a brevissimo termine, incombe l’incertezza dettata dalla pandemia di coronavirus sulle previsioni dei risultati che lascerà questo 2020 pesantemente segnato dall’emergenza in atto. E l’a.d. Seat, Carsten Isensee, ha commentato: La pandemia impedisce qualsiasi previsione affidabile circa l’impatto sull’economia globale e la prestazione Seat nel 2020. In questo contesto, l’implementazione di misure per garantire la liquidità saranno di estrema importanza durante la crisi.

Quando sarà finita, la nostra priorità sarà tornare alla normale produzione e vendita il più in fretta possibile”.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia