Sofidel con Nissan per un car sharing aziendale "eco-friendly"

Passa dal car sharing aziendale la sfida green Nissan-Sofidel


L’avevamo citata mesi fa parlando della sperimentazione sulla mobilità condivisa in ambito corporate avviata presso un ente pubblico, l’Istituto Italiano di Tecnologia (IIT) a Genova, che proponeva una triangolazione con Enel Energia e Nissan per testare anche in Italia le prime infrastrutture di ricarica per EV dotate della tecnologia Vehicle To Grid (V2G).

Approfondisci: Nissan, Enel e IIT testano la mobilità condivisa 100% elettrica in chiave aziendale

MOV-E, il nuovo corporate car sharing elettrico

Ora, dopo il progetto “Mov-e” nel capoluogo ligure, la piattaforma di gestione Glide, basata sull’omonima App, è al centro di un’altra iniziativa sempre firmata dalla Casa costruttrice giapponese: il primo servizio di car sharing aziendale, anche ad uso promiscuo, destinato a un privato, Sofidel.

Il Gruppo toscano, che commercializza – attraverso vari marchi molto conosciuti – articoli in carta per uso domestico, ha colto l’occasione per ampliare la flotta a disposizione dei propri dipendenti, inserendovi quattro esemplari di Nissan LEAF, la vettura elettrica da sempre più venduta al mondo. Potranno essere attaccati a otto colonnine, realizzate, al momento, presso due diversi stabilimenti dell’azienda nel nostro Paese.

Al fine di contribuire ulteriormente alla diffusione della mobilità 100% elettrica, il management di Sofidel ha pensato inoltre ad agevolazioni per i propri lavoratori che decidessero di acquistare un veicolo zero emissioni, unitamente alla possibilità di ricaricarlo senza costi per un anno, sfruttando la metà esatta dei punti installati in ciascuno dei due parcheggi.

La curiosità: Nissan ePedal pronto al debutto sulla nuova Nissan LEAF

UN CAR SHARING AZIENDALE ECO-FRIENDLY

Mentre quasi tutte le Nissan LEAF acquistate sono state destinate alla sede centrale Soffass di Porcari (LU), un esemplare della berlina giapponese ha preso la via di Monfalcone (GO).

È ovvio che non si pensa a un collegamento (le due località distano più di 400 chilometri). Intanto però, grazie alle sei colonnine installate presso il primo stabilimento e le restanti due accolte in terra friulana, i dipendenti di Sofidel avranno accesso in ogni luogo, zone a traffico limitato incluse.

L'azienda Sofidel ha scelto vetture Nissan per il suo servizio di car sharing aziendale

Il potenziamento della flotta attraverso le quattro berline zero emissioni nipponiche rappresenta per il Gruppo toscano un ulteriore tassello all’interno di un piano strategico volto alla salvaguardia dell’ambiente, nel quale proprio la riduzione delle emissioni nocive dovute ai gas di scarico delle auto rappresenta un elemento basilare.

Leggi anche: Sharemine, la proposta di mobilità condivisa per le piccole aziende firmata Omoove

Prima azienda nel settore di competenza (“tissue”) ad aver aderito a “Climate Savers”, il programma lanciato dal WWF, Sofidel si è impegnato da qui al 2020 a contenere del 23% le emissioni dirette di anidride carbonica (CO2) per tonnellata di carta. Un traguardo sempre più vicino, se si conta che tra il 2009 al 2016 si è già registrato un calo del 19,1%.

LE VETTURE E LA TECNOLOGIA NISSAN AL CENTRO

L’accordo tra il Gruppo toscano e Nissan sulla mobilità zero emissioni, che ha portato, tra gli altri, all’avvio del servizio di corporate car sharing, è stato concluso grazie alla mediazione di una concessionaria locale della Casa giapponese (la CFL di Lucca).

Sofidel è il primo soggetto privato a sperimentare i vantaggi dovuti all’ingresso tra le auto aziendali delle quattro Nissan LEAF, che hanno un’autonomia massima dichiarata di 250 km.

Leggi anche: Nuova Nissan LEAF tra le elettriche protagoniste al Salone di Francoforte 2017

Grazie alla piattaforma Nissan Glide, in uso anche nel test dell’IIT di Genova, sarà inoltre possibile gestire con facilità le fasi di prenotazione/utilizzo/restituzione delle vetture in condivisione, geolocalizzandole in ogni momento senza problemi e controllando quali mezzi sono a disposizione e quali invece no.

Related Posts

Scrivi un commento

La tua casella di posta non verrà pubblicata.

*