8 Novembre 2021

La centralità del servizio in concessionaria: ne parliamo con Marco Olcelli (Fratelli Giacomel) – Fleet Talks ep. 37

In un periodo complicato come quello che stiamo attraversando, con la crisi produttiva in atto, il servizio diventa sempre più cruciale, specie per una concessionaria. Ne parliamo con Marco Olcelli, Fleet & Logistic manager di Fratelli Giacomel. Il futuro? Sarà sempre più caratterizzato da veri e propri Mobility Hub, in grado di proporre soluzioni di mobilità a 360 gradi.

La crisi produttiva in corso sta accendendo i riflettori su un aspetto che negli ultimi anni sta diventando sempre più cruciale: il servizio. Specie per un dealer che punta alla clientela delle flotte aziendali, l’evoluzione è partita in tempi non sospetti: non più semplici concessionari di auto e veicoli commerciali, ma veri e propri Mobility Hub.

https://youtu.be/sKNiZmvOV0k

Una filosofia che Fratelli Giacomel, nota concessionaria del Gruppo Volkswagen con varie sedi dislocate al sud di Milano, ha abbracciato già da qualche anno, ma che ora diventa imprescindibile. Per approfondire il tema, al centro di questa nuova puntata di “Fleet Talks”, abbiamo ospitato Marco Olcelli, Fleet & Logistic Manager dell’azienda.

Leggi Anche: Mobility Hub, ecco come cambia il canale indiretto del noleggio a lungo termine

LA CENTRALITÀ DEL SERVIZIO NEGLI SHOWROOM: IL PUNTO CON MARCO OLCELLI (FRATELLI GIACOMEL)

CAMBIO DI FILOSOFIA: DA CONCESSIONARIA A MOBILITY HUB

“La nostra logica segue il concetto di Mobility Hub: per farlo, abbiamo creato un reparto ad hoc, che segue il cliente in tutto il suo percorso. Un percorso che parte dalla consulenza e dalla gestione dell’ordine, fino ad arrivare alla consegna del veicolo, per la quale possiamo contare su un reparto logistico solido e strutturato, che ci consente di completare le consegne in tutta Italia entro un tempo massimo di otto giorni. La nostra particolarità è quella di avere un ‘consegnatore’ dedicato alle flotte e alle pmi spiega Olcelli.

Fratelli Giacomel sede

Questo, però, è solo il punto di partenza che precede la vera e propria fidelizzazione, che si concretizza nei servizi post-vendita. “Cerchiamo di non lasciare mai solo il cliente – sintetizza Olcelli – Offriamo servizi a valore aggiunto, come le officine mobili, che intervengono sia in caso di manutenzione ordinaria, sia in caso di emergenza”. Completa il quadro una flotta di 200 mezzi sostitutivi (vetture, veicoli commerciali, ma anche monopattini per la mobilità nei centri cittadini), pensata proprio per ridurre i disagi creati ai clienti dal fermo del veicolo.

Leggi Anche: Concessionari e noleggio, lo stato dell’arte

LA LEVA DELL’USATO

La crisi dei chip, in questi mesi, ha fatto crescere esponenzialmente la domanda di usato,08 un ambito che un Mobility Hub è chiamato a curare in maniera particolare.

“Questo business ha un ruolo fondamentale nella nostra strategia, come testimoniano i servizi che abbiamo implementato, in particolare la consulenza on-line dedicata, con strumenti che consentono ai clienti di ‘toccare’ con mano e scegliere le vetture di seconda mano; la perizia a distanza; e, non meno importante, il servizio di ritiro e consegna a domicilio, che proponiamo sia in Italia sia all’estero” sottolinea Olcelli.

Fratelli Giacomel Mobility Hub

IL FUTURO

“Il futuro presenta grandi sfide” osserva Olcelli. In primis, un Mobility Hub, per essere tale, deve essere radicato sul territorio. “In questo senso abbiamo iniziato un cambiamento epocale aprendo una sede a Lodi durante la pandemia. A fine novembre apriremo un’altra sede a Pavia Audi, Škoda e Audi Prima Scelta :plus e nel 2023 sarà la volta della nuova sede di Audi Milano. Vogliamo rafforzare la nostra presenza, per essere ancora più vicini ai nostri clienti” spiega il manager.

Altre grandi sfide sono quelle della sostenibilità (“sfruttando al massimo le energie rinnovabili per le strutture”) e del phygital. “Oggi siamo in grado di gestire tutto il processo di vendita on-line, ma non vogliamo dimenticare da dove siamo partiti: ovvero il rapporto umano, diretto e trasparente, che da sempre ci contraddistingue e che costituisce le radici della nostra azienda” conclude Olcelli. Il domani, in definitiva, deve partire proprio da qui.

FOLLOW US

Per rimanere sempre aggiornato sulle novità di Fleet Magazine seguici sui nostri canali social. Siamo su Facebook, Linkedin, Instagram e Google News. Iscriviti al canale Youtube ufficiale e non perderti tutti i Test Drive e gli altri video della nostra redazione.

Leggi anche
Consigliati per te
Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia