Sicily by Car: con ALIS una partnership intermodale all’insegna del green

Una nuova alleanza nel segno della mobilità sostenibile e intermodale: è quella siglata tra Sicily by Car e ALIS, Associazione Logistica dell’Intermodalità Sostenibile.

Tommaso Dragotto e Guido Grimaldi

L’accordo tra la società di noleggio a breve termine e l’associazione di categoria del settore trasporti e logistica è stato presentato ieri, a Roma, nel corso di una conferenza stampa organizzata presso la sede nazionale dell’ALIS (in via Rasella 157). A suggellare l’incontro, primo esempio di associazionismo trasversale tra le aziende, la consegna ad ALIS di una vettura elettrica della flotta di Sicily by Car.

Leggi Anche: il cammino delle auto elettriche nel settore del noleggio

“Sono molto orgoglioso dell’ingresso di Sicily by Car in ALIS e ringrazio il presidente Guido Grimaldi per aver introdotto la mia compagnia nel grande mondo della logistica intermodale. Abbiamo una missione comune che ci vede uniti a favore della mobilità sostenibile, una frontiera che diventa traguardo condiviso”.

Tommaso Dragotto, presidente di Sicily by Car

CHI È ALIS

ALIS è una realtà relativamente giovane – è nata il 17 ottobre 2016 – ma vanta già solidi numeri. A poco più di un anno dalla fondazione, annovera circa 1.300 aziende associate per una rappresentatività di 180.000 lavoratori. Attraverso la confederazione Confalis conta quasi 400.000 dipendenti che, considerando anche le rispettive famiglie, rappresentano un bacino di 1.200.000 potenziali clienti, al quale da oggi anche Sicily by Car potrà accedere.

“L’associazione – spiega il presidente Guido Grimaldi – nasce per creare una lobby costruttiva ed essere un interlocutore valido tra le aziende e il Governo, portando le reali necessità dei nostri imprenditori al cospetto dei decisori pubblici. Con Sicily by Car stiamo creando una importante sinergia volta a dare un’opportunità a tutti gli associati di ALIS e alle loro famiglie”.

L’ACCORDO TRA SICILY BY CAR E ALIS

La partnership, in concreto, mette a disposizione degli associati delle vere e proprie convenzioni, che prevedono vantaggi sia in termini di miglior servizio che di miglior prezzo. Questi vantaggi, inseme alle informazioni quotidiane sul mondo della politica e delle istituzioni, verranno comunicati presto attraverso una app in via di sviluppo da parte di ALIS.

La società di Rac Sicily by Car, già associata a Confindustria attraverso Aniasa, entra quindi a far parte di una nuova associazione di categoria che mette a sistema tutti gli operatori del mondo dei trasporti: autotrasportatori, aziende armatoriali, gruppi ferroviari, terminal, agenzie e spedizionieri.

Leggi Anche: la banca dati Aniasa sarà operativa entro l’estate 2018

“Crediamo nella necessità di sviluppare modalità di trasporto ecosostenibile – sottolinea Grimaldi – e siamo fermamente convinti che una profonda sinergia tra tutte le realtà che quotidianamente operano nel settore dei trasporti sia di vitale importanza per lo sviluppo del sistema paese”.

I PROGETTI ELETTRICI DI SICILY BY CAR

Da sempre impegnata in favore della tutela del territorio e dell’ambiente, nel marzo 2017 Sicily by Car ha varato un importante progetto pilota a livello europeo in partnership con Enel e Renault.

“Abbiamo programmato il giro di Sicilia con auto elettriche facendo ricadere la scelta sulla Zoe, che ha un’autonomia di 280 km – annuncia Dragotto -. Nel corso del 2018 verranno installate 600 colonnine di ricarica. L’iter burocratico italiano ci ha rallentato, ma entro l’anno 2018 – promette – inizieremo il giro di Sicilia”.

Presto, inoltre, dovrebbe partire un altro affascinante progetto a zero emissioni: il giro di Sicilia attraverso le dimore storiche e nobiliari dell’isola. “Questo lo possiamo fare subito – conclude Dragotto – perché dipende da noi. Andremo a piazzare le colonnine elettriche presso le case nobiliari e forse partiremo già dai primi di maggio”.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia