24 Luglio 2015

Ford, luci intelligenti per ridurre i rischi nella guida notturna

Ford sta sviluppando dei fari di nuova generazione che individuano persone o animali nel buio e allargano il fascio luminoso. Una tecnologia che consentirà di alzare il livello di sicurezza delle flotte aziendali. I fari adattivi vanno così a braccetto con  le telecamere per il riconoscimento di pedoni e di segnaletica, cercando di risolvere i rischi della guida notturna.

COME FUNZIONANO – Anche  in corrispondenza di rotatorie, incroci e svincoli insidiosi, il Camera-Based Advanced Front Lighting System entra in azione, adeguando la direzione e l’intensità della luce (aumentandone l’ampiezza dell’emissione). Il dispositivo funziona utilizzando le indicazioni raccolte da una telecamera a infrarossi (posizionata nella griglia anteriore) ed è in grado di riconoscere l’eventuale presenza di pedoni, ciclisti o animali, anche a bordo strada e fino a 120 metri di distanza. Sulla base di queste rilevazioni, si attivano i fari adattivi, con la funzione di Spot Lighting, che emette uno o due raggi luminosi più intensi per evidenziare la presenza degli ostacoli rilevati. In questo modo si migliora la sicurezza delle flotte aziendali.

POTENZIALITA’ – Secondo quando dichiarato da Ford, l’Advanced Front Lighting è capace di individuare, contemporaneamente, fino a otto elementi di criticità, riconoscendo anche quelli che presentano i rischi più alti per l’automobilista. Oltre ad agire sulle luci a Led (posizionate vicino ai fendinebbia), il dispositivo riporta sullo schermo dell’infotainment le immagini riprese dalla telecamera, evidenziando l’ostacolo individuato con un rettangolo giallo o rosso, in base all’indice di pericolo. Non solo. La fanaleria di nuova generazione (sviluppata dal centro ricerche di Ford ad Aachen, in Germania), ha anche una funzione predittiva: utilizza le indicazioni Gps per adattare il fascio luminoso, a seconda delle curve e delle caratteristiche della strada. In assenza di segnale, invece, il sistema sfrutta le linee di demarcazione delle corsie. In futuro, poi, il dispositivo sarà in grado di memorizzare le condizioni di luce in un tratto di strada in modo da poterlo illuminare più efficacemente durante i passaggi successivi.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia