31 Luglio 2015

Studio Euro Ncap: 38% di crash in meno con l’AEB

La sicurezza è, come sappiamo, un must per le flotte aziendali e, ormai, non può prescindere dai moderni e sofisticati sistemi di frenata automatica di emergenza. A testimoniarlo è un recente studio di Euro Ncap, l’ente che valuta la sicurezza delle vetture nel nostro Continente, che testimonia che questi dispositivi sono in grado di ridurre i tamponamenti del 38%, sia in città che fuori città.

IL RISULTATO DELLO STUDIO – L’indagine, svolta in collaborazione con Ancap, l’equivalente dell’Euro Ncap in Oceania, ha raccolto dati da cinque Paesi europei e dall’Australia: il sistema preso in considerazione è il “Low Speed AEB”, dispositivo attivo che interviene, frenando automaticamente, a velocità massime di 30 o 50 km/h (a seconda delle vetture). Uno strumento utilissimo per la sicurezza delle flotte aziendali che viaggiano in città, considerando la frequenza dei tamponamenti in questo contesto, ma anche sulle autostrade. Prendendo cento auto, dunque, 38 di queste, secondo la ricerca, riescono a salvarsi dal crash proprio grazie alla tecnologia.

COME FUNZIONANO I SISTEMI DI FRENATA AUTOMATICA – Tutti i sistemi AEB, adottati da un numero sempre maggiore di Costruttori sui modelli di ultima generazione, utilizzano una tecnologia basata su sensori ottici, telecamera (stereo) o Lidar per identificare eventuali ostacoli che si pongono davanti alla vettura. La combinazione di queste informazioni con la velocità e la traiettoria del veicolo permettono di stabilire al dispositivo se esiste un pericolo effettivo. Se rileva una potenziale collisione, l’AEB, in buona parte dei casi, prova in primis ad evitare l’impatto avvisando il conducente sulla necessità di intraprendere un’azione correttiva. Nel caso il driver non intervenga, stabilita l’imminenza dell’impatto, il sistema applica una frenata automatica per impedire l’incidente.

Latest From Our Instagram
@fleetmagazine_italia