Sicurezza flotte aziendali: lo sviluppo presente e futuro degli Adas
 

Adas: la sicurezza delle flotte tra presente e futuro


Sicurezza e flotte aziendali. Un matrimonio ormai consacrato, che oggi trova la sua ragion d’essere, soprattutto, in un acronimo: Adas (Advanced driver assistance systems). Stiamo parlando dei cosiddetti sistemi avanzati di ausilio alla guida come, per fare qualche esempio, il Cruise Control Adattivo, il dispositivo di frenata automatica in caso d’emergenza (Autonomous Emergency Braking) e quello di mantenimento della linea di corsia in autostrada (Lane Keeping Assist), che cominciano ad essere familiari per Fleet Manager e driver.

L’AZIENDA DANISI ENGINEERING

Parlando del binomio “sicurezza flotte aziendali” e di Adas, però, alcune domande sorgono spontanee: cosa si intende oggi, precisamente, per Advanced driver assistance systems? E quali sono le loro prospettive di sviluppo futuro? Per fare chiarezza, abbiamo interpellato – e visitato – la Danisi Engineering, azienda di ingegneria con sede a Nichelino (Torino) specializzata proprio nelle attività di sviluppo e validazione sui sistemi Adas di ultima generazione.

VIDEO: INTERVISTA A GIACOMO DANISI, AMMINISTRATORE DANISI ENGINEERING

GLI ADAS OGGI 

“Per Adas, si intendono i sistemi avanzati di assistenza alla guida, che si dividono in due famiglie: quelli che servono ad assistere il driver in situazioni d’emergenza e quelli che servono ad assisterlo in condizioni di guida normali” spiega Danisi. Per questo motivo, gli Adas sono destinati a diventare sempre più paladini della sicurezza delle flotte aziendali, che, come sappiamo, sono composte da auto che percorrono molti più chilometri rispetto alla media.

I SIMULATORI

Il ruolo di Danisi Engineering nello sviluppo degli Adas è importante. “Abbiamo un’elevata cultura nel campo della simulazione del comportamento dinamico del veicolo – sottolinea ancora Danisi – Quest’ultima è fondamentale per la scrittura degli algoritmi dei software che ci sono dietro agli Adas. E’ questo il motivo per cui siamo stati coinvolti da diverse Case automobilistiche nostre clienti”. L’azienda utilizza due simulatori reali, uno statico e uno dinamico, che le consentono di sviluppare in un laboratorio i veri sistemi Adas, e valutarne il comportamento.

PROSPETTIVE FUTURE 

Quanto alle prospettive future, Danisi non ha dubbi. “Possiamo dire di essere solo agli inizi – osserva -, sia per quanto riguarda la parte di sviluppo, sia soprattutto per quel che concerne il percepito da parte degli utenti. Però è soltanto questione di superare il gap culturale e di consapevolezza da parte dei clienti”. Presto, conclude l’amministratore di Danisi Engineering, gli Adas diventeranno “irrinunciabili“, come lo è già oggi l’ABS, diventato obbligatorio su tutte le vetture di nuova generazione.

Related Posts

Scrivi un commento

La tua casella di posta non verrà pubblicata.

*